Dr Commodore
LIVE

My Hero Academia 315 | Il cuore di un eroe

Il capitolo 315 di My Hero Academia si rivela decisivo per le sorti dello scontro tra Deku e Lady Nagant. Nel mentre, rivediamo anche due personaggi molto noti. 

Il capitolo 315 di My Hero Academia inizia con un breve flashback incentrato su Lady Nagant e Overhaul in cui scopriamo l’origine della collaborazione tra i due: la donna ha promesso a Chisaki che gli farà incontrare il suo boss, e in cambio lui la aiuterà a trovare Deku. 

Nel presente, però, le cose non stanno andando come sperava la donna in quanto Chisaki inizia a dare di matto e si mette in mezzo allo scontro, chiedendo di essere portato immediatamente dal suo boss perché ha già rispettato la sua parte dell’accordo. Lady Nagant decide di tentare di trarre vantaggio dall’intromissione e spara a Chisaki nella speranza di distrare Deku, così da poterlo colpire con un secondo proiettile. 

Il ragazzo, tuttavia, coglie di sorpresa l’ex eroina e non esita un solo secondo: si lancia subito verso Chisaki per trarlo in salvo utilizzando una combinazione di Quirk e movimenti a dir poco geniale che ci fanno vedere ancora una volta quanto Deku sia effettivamente migliorato rispetto alla precedente saga. 

L’azione di Midoriya è una combinazione di One for All al 45%, movimenti degli arti inferiori e il Quirk del Terzo Possessore, Fa-Jin. Sfruttando Fa-Jin, che consente di accumulare energia tramite i movimenti ripetuti e rilasciarla in un unico colpo molto più potente del normale, il ragazzo aumenta a dismisura la sua velocità per trarre in salvo Chisaki e restituisce il colpo a Lady Nagant lanciandole contro uno Pseudo 100% Manchester Smash, molto simile ad una delle tecniche di All Might. 

“È finita”, dice Deku, tuttavia per Lady Nagant lo scontro era già finito diversi attimi prima. La donna è infatti rimasta colpita dallo scatto privo di alcuna esitazione con cui il ragazzo si è gettato in soccorso di Chisaki, nonostante fosse un suo nemico. Rivede se stessa, o meglio la giovane se stessa nelle sue azioni, nel suo essere così desideroso di aiutare, e si chiede quando è stato che quegli ideali e quella società hanno iniziato a darle la nausea. 

Neanche Deku crede che Nagant sia completamente perduta però, infatti le dice che se realmente fosse stata dalla parte di All for One allora avrebbe sparato un colpo più preciso per uccidere Chisaki, mentre la traiettoria del proiettile era sbagliata e non avrebbe mai potuto colpirlo, anche se lui non avesse fatto nulla. 

A quel punto il ragazzo le rivolge delle parole che a qualcuno hanno fatto storcere il naso, ma che a me sono piaciute molto: combatti al nostro fianco, tu possiedi ancora il cuore di un eroe

Non si tratta né di buonismo né della famosa “talk no jutsu”, semplicemente Deku ha capito che in Lady Nagant c’è ancora del buono e che quella rabbia nei confronti della società degli eroi era dovuta alla delusione di una bambina che ne ha viste tutte le ombre. Ma, le dice, proprio perché ne conosce le ombre sarà in grado di fare brillare una luce ancora più luminosa. 

A quel punto però come un fulmine a ciel sereno arriva il colpo di scena: All for One si era preparato ad un possibile tradimento e fa esplodere Lady Nagant senza pietà sotto gli occhi increduli di Deku

My Hero Academia Lady Nagant Deku

Il capitolo si conclude con l’arrivo di Hawks che afferra Nagant, pregandola di non morire. 

Cosa ne pensate voi Commodoriani del percorso fatto da Lady Nagant in questi ultimi capitoli di My Hero Academia? Pensate morirà oppure passerà dalla parte di Deku? Fatecelo sapere con un commento!

Vi ricordo che potete leggere My Hero Academia su MangaPlus, mentre sui su DrCommodore potete leggere tutti i nostri commenti ai precedenti capitoli e tanti altre approfondimenti e curiosità sul mondo di My Hero Academia

Articoli correlati

Daniela Reina

Daniela Reina

Studentessa, nel tempo libero viaggia attraverso tempo, spazio e mondi di fantasia in compagnia di qualche buona lettura o serie. Il suo manga preferito è Berserk, l'anime Neon Genesis Evangelion.

Condividi