Dr Commodore
LIVE

Superlega: Football Manager in crisi

La Superlega ha scosso il mondo del calcio in tutte le sue forme, anche virtuali

Lo avrete letto tutti. Nella serata di ieri è stata annunciata la Superlega, un nuovo torneo calcistico che vedrà quindici club fissi più cinque invitati prendere parte a una competizione “d’élite”.
Le reazioni sono state forti per quella che sembra essere una vera rivoluzione nella storia del calcio. Rivoluzione che colpisce inevitabilmente anche il mondo videoludico, tanto da spingere Sports Interactive a commentare la vicenda.

La software house è nota ai videogiocatori per lo sviluppo dell’acclamata serie Football Manager, che da anni ormai permette ai giocatori di vivere un’esperienza simulativa della vita d’allenatore di livello altissimo.
In merito alla fondazione di questa Superlega, il team ha pubblicato un tweet ironico, che trovate qui sotto:

Il tweet recita semplicemente “noi, creatori di un gioco manageriale calcistico, questa mattina:“, con la GIF del noto meme “This is fine” in allegato.
Una reazione divertente a una situazione che risulta essere davvero caotica come una casa in fiamme. L’istituzione della Superlega pone diversi dubbi sul futuro del calcio e dunque, della simulazione di casa Sports Intercative.

Molto interessante anche la reazione dei giocatori al tweet della software house. Diversi commenti, infatti, invocano la rimozione dai giochi futuri di tutti i club partecipanti alla Superlega e, ovviamente, della competizione stessa.

Cosa ne pensate del tweet di Sports Interactive e delle reazioni? E della Superlega? Fatecelo sapere con un commento sui nostri canali social, che potete trovare come sempre qui sotto.

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord, Steam e Twitch.
Seguite inoltre le offerte del nostro shop e sul canale telegram DrCommodore Offerte

Articoli correlati

Samuel Bianchi

Samuel Bianchi

Videogiocatore svezzato dalle sapienti mani della prima Playstation e dal Sega Mega Drive, nel tempo ha sviluppato un interesse particolare per i giochi di ruolo. Cresciuto vivendo il videogioco in solitaria, ora ha un forte desiderio di analizzare il mondo videoludico con gli altri appassionati, approfondendone le capacità aggregative e comunicative, tipiche della grande arte.

Condividi