Dr Commodore
LIVE

Holly e Benji finisce in tribunale per una sberla ad una donna

In Cile Holly e Benji finisce in tribunale per la scena di un ceffone ad una ragazza

In Cile il famoso anime Holly e Benji (Captain Tsubasa) è finito al centro di un’azione giudiziaria per una scena contenuta all’interno del 33° episodio, Crisi di coscienza.

Schiaffo

La scena incriminata vede Julian Ross (Jun Misugi) dare un ceffone alla manager della sua squadra Amy Aoba (Yayoi Aoba) per aver rivelato al protagonista Oliver Hutton (Tsubasa Ozora) la sua malattia cardiaca. Secondo l’accusa, la scena rappresenterebbe una glorificazione della violenza sulle donne.

Per la trasmissione di quest’episodio un anno fa era stata denunciata la rete televisiva Tvn, che al processo di primo grado era stata condannata a pagare una multa di 70.000 dollari. Fortunatamente la sentenza d’appello ha ribaltato questa decisione, e la corte d’appello di Santiago ha riconosciuto il fatto che la scena non vada interpretata nel modo ritenuto dall’accusa.

Holly e Benji

Il giudice ha giustificato il comportamento violento di Julian nell’episodio dicendo che Julian pensava che Amy non avesse alcun diritto a raccontare della sua malattia al rivale, che avrebbe di conseguenza perso la voglia di competere con lui, e che lo schiaffo è stato un modo per indicare alla ragazza il fatto che non dovesse intervenire nuovamente sulla questione in  futuro. Amy, in pratica, ha ricevuto la sberla non perché è di sesso femminile, ma perché si è comportata da amica sleale nei confronti di Julian.

Che ne pensate della questione? Credete l’accusa alla serie di Holly e Benji sia giusta o infondata? Scrivetecelo nei commenti!

News tip

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.
Seguite inoltre le offerte del nostro shop shop.drcommodore.it e sul canale telegram DrCommodore Offerte

Articoli correlati

Yoel Carlos Schincaglia

Yoel Carlos Schincaglia

Nato il 14 febbraio 1997. Mi piacciono molto gli anime e credo nella canzone che ho nel cuore.

Condividi