fbpx
Anime & Manga Curiosità

Delibird: il Pokémon della settimana #33 – Speciale Natale 2020

Delibird

Cena in famiglia, albero addobbato, Una poltrona per due in tv, la canzone di Natale di Mark the Hammer, l’atmosfera natalizia permea le vostre case. Qualcuno sta venendo a portarvi dei regali, ma non si tratta di Babbo Natale, ma bensì di Delibird (デリバード Delibird), il Pokémon Consegna di doppio tipo ghiaccio/volante!


I Delibird vivono nelle montagne, dove creano dei nidi vicino alle rupi. Sono soliti vivere in gruppi, il cui leader è l’esemplare con la coda più grossa. Riempono la loro coda di cibo, che poi trasportanto tutti i giorni tutto il giorno. Quando trovano degli umani degli altri Pokémon dispersi sulle montagne, gli regalano del cibo per tenersi in forze e salvarsi. Da questa loro particolarità vengono considerati come una specie molto gentile.

Molti allenatori e organizzazioni danno ai Delibird il compito di consegnare messaggi importanti o regali, anche in un’era tecnologica come questa.

La mossa peculiare dei Delibird è Regalo, che consiste nel portare dentro la coda un oggetto da tirare agli avversari e che a seconda dei casi può ferire o guarire. Una cosa risaputa su di loro è che imparano pochissime mosse aumentando di livello, mentre ne imparano molte di più tramite dischi tecnici o macchine tecniche.

L’aspetto

I Delibird hanno le piume di colore rosso e bianco. Quelle rosse coprono tutto il corpo, mentre quelle bianche si trovano sul petto (dove formano una specie di barba) e sulla faccia (dove formano anche due creste a tre punte che partono da sopra gli occhi). Gli esemplari cromatici hanno invece le piume viola e bianche. Sulla pancia è presente un punto bianco che ricorda un bottone, mentre la coda ricorda un sacco. Gli occhi sono rotondi e hanno la sclera bianca e l’iride nera, e sono circondanti da della pelle nera. I piedi hanno due dita ciascuno, e sono gialli come il becco. 


Ispirazione e il Delibird beta

Delibird è ispirato al pinguino saltarocce (con elementi provenienti da altre specie di uccelli come le cicogne e la fratercula) e a Babbo Natale. L’ispirazione a quest’ultimo la si vedeva molto anche nel suo aspetto beta, dove le piume sulla testa formavano l’iconico cappello natalizio. Le piume bianche dovevano formare una specie di barba più liscia, e alla fine del corpo presentava una specie di voglia a forma di sorriso. Le zampe dovevano avere tre dita invece di due. Il mon avrebbe dovuto avere il nome Gifuto (lettura giapponese di gift, ossia regalo in inglese) e non sarebbe dovuto essere di tipo volante, ma di doppio tipo acqua/ghiaccio.

Il nome deriva dall’unione delle parole delivery (consegna) e bird (uccello), e la sua pronuncia è molto simile alla parola delivered (consegnato). Deli potrebbe pure derivare dai pinguini di Adelia.

Che ne pensate di Delibird? Scirvetcelo nei commenti!

Fonti: 1, 2, 3.

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegram, YouTube, Discord, Steam e Twitch.
Seguite inoltre le offerte del
nostro shop shop.drcommodore.it e sul canale telegram DrCommodore Offerte

Facebook Comments

Twitch!

Canale Offerte Telegram!