Dr Commodore
LIVE

Secondo Kotaku, The Last of Us 2 non meriterebbe il premio “Best Direction”

Secondo Il giornalista Ian Walker di Kotaku The Last of Us 2 non avrebbe dovuto ricevere il riconoscimento Best Game Direction a causa delle accuse di crunch a Naughty Dog

Nella notte dei  Game Awards il protagonista indiscusso è stato The Last of Us Part 2 con sette premi aggiudicati su nove nominations. Oltre all’ambito Game Of The Year la casa di Santa Monica ha ricevuto i seguenti premi: Best Direction, Best Narrative, Best Audio Design, Best Performance, Best Action/Adventure Game e Innovations in Accessibility.

E’ proprio la consegna del titolo Best Direction che ha fatto storcere il naso ad alcuni, in particolare a Ian Walker, giornalista di Kotaku che attraverso un articolo che trovate qui ha espresso le sue non poche perplessità sulla scelta della giuria.

Secondo Walker il riconoscimento dovrebbe premiare l’abilità del Team nella direzione dei lavori rispettando le norme lavorative e il Welfare dei dipendenti cosa che, a detta del giornalista, non è stata presa in considerazione dai giudici dell’evento viste le numerose accuse da parte di ex dipendenti anonimi alla Software House californiana.

The Last of Us Part 2

Non è la prima volta che vengono sollevate questo tipo di accuse a Naughty dog e in particolare a Neil Druckman, direttore creativo e co-fondatore del team di sviluppo.

Ormai considerato una vera e propria piaga nel mondo videoludico, il crunch, che consiste nel intensificazione della mole di lavoro dei dipendenti con straordinari, lavoro di notte e salto del giorno di risposo è purtroppo più diffuso di quel che si pensa. Lasciamo qui un nostro articolo che approfondisce la tematica.

 

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch. Seguite inoltre le offerte del nostro shop shop.drcommodore.it e sul canale telegram DrCommodore Offerte

 

Articoli correlati

Pietro Iudici

Pietro Iudici

Ho sempre visto il mondo dei videogiochi come un ricettacolo di infinte opportunità, dove puoi essere chiunque e dovunque. Un insieme di storie che aspettano solo di essere scoperte, vissute e amate.

Condividi