fbpx
Anime & Manga Approfondimento

One Piece 996: Domande e risposte

Wano

One Piece 996: Domande e risposte

Ciao a tutti e ben ritrovati col consueto commento settimanale ai capitoli di One Piece.
Questa settimana parliamo del 996, un capitolo particolarmente ricco di spunti.

Tama

O-Tama è appena arrivata ad Onigashima con l’intento di dare una mano, e la prima cosa che fa è soccorrere Nami e Usopp, che come abbiamo visto erano notevolmente in difficoltà contro i Tobi Roppo Ulti e Page One.
Quello che salta all’occhio da questa scena è la risposta di Tama alla domanda di Nami su come avesse fatto a raggiungerli.

O-Tama

Di quale nave sta parlando Tama? Chi è giunto ad Onigashima assieme a lei?
Ci sono diverse opzioni per trovare la risposta:

1) Tama è arrivata a bordo di una nave di gifters. Conosciamo il suo potere grazie al quale è in grado di addestrare non solo gli animali, ma anche i possessori dei frutti smile.
Questo le avrebbe consentito una traversata semplice senza troppi ostacoli, ma risulta strano pensare che la bambina sia stata in grado di soggiogare un’intera nave nemica da sola.
Ma dopotutto, Komachiyo e Himimaru potrebbero aver dato una bella mano ad impossessarsi dell’imbarcazione, lasciando che poi a condurla fossero quei pochi soggiogati dal potere di Tama.

2) Tama è arrivata a bordo della nave dei figli di Big Mom. È da molto infatti che non abbiamo aggiornamenti su Smoothie, Mont D’or e tutti gli altri, e siccome sappiamo che questi, proprio come Perospero, sono generalmente contrari all’alleanza con Kaido, potrebbero aver raggiunto Onigashima con l’intento di far ragionare Big Mom, missione su cui Perospero ha già fallito.
Ma perché la famiglia Charlotte dovrebbe aver consentito a Tama di raggiungere le sponde di Onigashima? Cosa avrebbe potuto raccontar loro la bambina? Forse dell’amicizia con O-Lin?

Sarebbe davvero strano se le avessero creduto. Ad ogni modo, se si fossero accorti della piccola durante la navigazione, difficile credere che l’avrebbero buttata in mare perché nonostante siano pirati e nonostante li abbiamo visti più volte nel ruolo dei nemici, non sono quel tipo di persone.
Difficile pensare anche all’idea di fare dietro front con l’intento di scaricarla: conosciamo le difficoltà di navigazione a Wano o con destinazione Onigashima, non avrebbero mai rischiato.

3) Grazie ad un’imbarcazione di qualcun altro, un qualsiasi personaggio fino ad ora non coinvolto nelle vicende principali. In questa opzione sono racchiuse tutte le teorie della community sull’arrivo dei Rivoluzionari (Sabo, Ivankov, Dragon e chicchessia), sulla CP0, che ricordiamo essere ancora in giro nel paese di Wano, su Moria, reintrodotto tra l’Atto 1 e l’Atto 2 assieme a Barbanera e su cui molti ancora confidano in un ritorno, oppure Caribou, scomparso dalle scene della saga da un bel po’.

Tutti questi personaggi però significherebbero il mutamento repentino di trama da un momento all’altro, cosa che la narrazione ora non può più permettersi, oltre a che non si renderebbe giustizia a nessuno di essi o agli attuali presenti.

La saga di Wano purtroppo è da considerarsi oramai satura di personaggi e di sottotrame, qualunque perturbazione esterna della storia attuale finirebbe con il complicare inutilmente tutto, e con il togliere quel già risicato spazio a tutti gli altri già presenti a Onigashima.

C’è da considerare un altro fattore, ovvero l’evidente ingombranza degli animali che la bambina porta con sé.
Bestie del genere sono impossibili da nascondere e quindi l’unica reale soluzione è non essere rimasti nascosti all’interno dell’imbarcazione.

Ci sarebbe anche una quarta opzione, che prevede che Tama abbia solo rubato una delle navi dei nemici e che si sia recata a Onigashima con l’aiuto di qualcuno.
In questo caso potremmo presumere che non sia arrivata da sola: tra i nomi possibili potremmo citare Gyukimaru, oppure Hitetsu.

Secondo voi Commodoriani qual è l’opzione più plausibile? Fatecelo sapere nei commenti.

Yamato e Sasaki

In questo capitolo Yamato inizia a svelare qualche carta dimostrando di essere una degna figlia di Kaido in combattimento.
È da un po’ che la ragazza combatte duramente per difendere Momonosuke e dimostrare di essere un’ottima copia di Oden, tuttavia in questo capitolo accade qualche cosa di più.
C’è un momento infatti in cui, mentre Sasaki sta per estrarre la katana, la ragazza pare iniziare una fase di metamorfosi, una trasformazione che viene interrotta sul nascere dall’arrivo di Franky e Hatcha.

Per come è costruita la scena, si potrebbe pensare che quel principio di trasformazione non appartenesse a lei bensì a Sasaki, eppure il Tobi Roppo viene inquadrato subito dopo con un’aria perplessa, come di chi non si aspettasse ciò che stesse accadendo davanti ai suoi occhi, e la vignetta con la punteggiatura ne va a completare lo sgomento.

Il secondo indizio che dimostra che la trasformazione non appartenga a lui è data dalla forma del naso: leggendo le vignette da destra verso sinistra, notiamo dapprima un naso piuttosto ingrossato, mentre nell’inquadratura di Sasaki questo è molto più fino e allungato.

Yamato Sasaki

Insomma, posto che si tratti di Yamato, ora possiamo azzardare delle ipotesi per capire di che genere di trasformazione si tratti.
Che il potere del drago di Kaido sia in qualche modo ereditario? Magari l’Imperatore potrebbe essere un vero drago e non averne mai ingerito realmente un frutto.

Oppure, cosa assai più facile, potrebbe trattarsi di un frutto del diavolo.
Tra le opzioni più accreditate per Yamato abbiamo la tigre dai denti a sciabola, grande assente per ora nella saga di Wano, oppure la tigre bianca, che stando al folklore nipponico simboleggerebbe l’opposto al drago blu, cioè il padre Kaido.

Una terza opzione anch’essa molto valida è una trasformazione in Oni, creature mitologiche giapponesi anch’esse molto popolari nell’arte e nel teatro.
Oltretutto questa possibilità potrebbe essere in parte giustificata anche dalle stesse corna che Yamato costantemente porta in fronte.

In ogni caso, purtroppo la verità su Yamato dovrà aspettare, poiché l’arrivo di Franky ha interrotto quello che si preannunciava essere un interessantissimo scontro.
La stessa katana estratta da Sasaki sembra avere dei tratti molto curiosi, come se questa a sua volta avvolgesse uno strato inferiore non affilato. Anche in questo caso occorrerà aspettare per scoprire se si tratti di una katana normalissima con dei disegni particolari, oppure se Sasaki stia nascondendo un’arma rara e incredibile.

Nonostante lo scontro di Yamato sia stato per il momento posticipato, abbiamo comunque avuto modo di assaggiare la sua vera forza in questo capitolo quando con un solo colpo ha sferrato un attacco contro Hatcha, mandandolo k.o.

Oramai dovremo probabilmente accettare che i Numbers siano stati introdotti solo come termine comparativo per scoprire la forza degli altri personaggi, come in questo caso con Yamato, e che dunque siano generalmente destinati a venir sconfitti senza un minimo di dignità.

Nonostante ciò resta comunque un peccato, visto che è di pochi capitoli fa la scoperta della loro natura di esperimenti legati ad antichi giganti, che potenzialmente potrebbe ricollegarli anche ai prigionieri congelati visti a Punk Hazard e mai più ripresi.
Per approfondire l’analisi sui Numbers, è consigliato recuperare il commento al capitolo 989.

E voi Commodoriani che aspettative avete dalla trasformazione di Yamato?

Trafalgar Law

Il capitolo 996 segna una svolta nel percorso del personaggio di Law.
La supernova più longeva, presente e amata dal pubblico ha attraversato quasi un decennio a partire da Punk Hazard in compagnia della ciurma di Cappello di Paglia.

Il pretesto con il quale all’epoca venne reintrodotto dopo Sabaody riguardava proprio l’intenzione di colpire Kaido, ma col tempo era venuto fuori che il suo vero ed unico scopo era quello di vendicarsi di Doflamingo per la morte di Corazòn.

Questo significa che a conti fatti una volta sconfitto il Fenicottero per mano di Rufy e conclusa la saga di Dressrosa, Trafalgar Law non aveva più un reale motivo per seguire i suoi alleati nella battaglia contro un Imperatore.

Da allora lo abbiamo visto prima a Zou e poi a Wano e si sarebbe potuto pensare che le sue azioni fossero mosse unicamente da un senso di gratitudine verso Rufy, da un senso d’orgoglio verso se stesso per il patto d’alleanza stretto e da un rinnovato e sincero desiderio di contribuire alla sconfitta di Kaido, che a conti fatti ha contribuito a finanziare e proteggere Doflamingo per anni.

Sorprendere Law a distanza di tutto questo tempo nei sotterranei di Onigashima a indagare e farsi delle domande sul mistero della D. va a ridefinire completamente il personaggio, e lo ricolloca nella narrazione principale come qualcuno che si interesserà della risoluzione del mistero anche in futuro.

È dunque probabile che, anche a guerra terminata, il suo viaggio non volgerà al termine ma anzi, magari in solitaria assieme alla propria ciurma, potremo ritrovarlo intento a indagare là dove Robin non potrà arrivare.

Law

All’improvviso, qualcuno che fino a ieri pareva trovarsi nella mischia quasi e solo per caso, ora ha di nuovo uno scopo ai nostri occhi, e questo va a riqualificarlo come personaggio di punta e da cui aspettarsi molto.

Trovandosi dinanzi alle antiche pietre, Law, ricordando un dialogo avvenuto con Nico Robin, asserisce che la sua ricerca riguarda principalmente i Road Poigne Griffe poiché, a quanto pare, è su queste quattro stele che sono racchiusi i segreti sulla D.
A tal proposito, noi sappiamo dal capitolo 936 dalle parole di Robin che il Road Poigne Griffe deve trovarsi ad Onigashima, per cui la ricerca dell’archeologa e di Law non è ancora conclusa.

Non solo: facendo un breve calcolo e andando a conteggiare i Poignee Griffe trovati o già ricalcati ma mai tradotti, abbiamo:

Due Poignee Griffe ed un Road Poigne Griffe copiati da Brook a Whole Cake Island
il Poignee Griffe trovato da Brook nella stanza delle bambole kokeshi al palazzo di Orochi
il Poignee Griffe rinvenuto ora da Law sotto Onigashima
il Road Poignee Griffe appartenente a Kaido ancora da rintracciare

Ne consegue che a breve Nico Robin avrà un bel carico di materiale da tradurre e speriamo che ci renda partecipi delle sue scoperte.

Per chi non avesse molta familiarità con i Poignee Griffe, alleghiamo un’immagine che potrebbe fare comodo per capire il punto della situazione:

Poignee Griffe

Esistono 9 Poignee Griffe che compongono il famoso “Rio Poignee griffe”, ovvero quel libro contenente tutta la storia del mondo antico tanto cercato dalla nostra archeologa.
Tutte le pietre restanti invece servono ad indicare l’ubicazione di queste pietre e dare dunque indizi maggiori sul loro ritrovamento.

Quante possibilità potrebbero esserci che questa volta vengano tradotti alcuni tasselli sulla storia del mondo?
Forse non è un caso che ci si stia avvicinando proprio ora al capitolo 1000, non trovate?

Da questo momento, potremmo considerare Law una sorta di alleato di Nico Robin e nostro nella grande impresa di svelare i misteri dei 100 anni del Secolo Buio, poiché è anche nel suo interesse scoprire di più sul popolo della D.

Da molto tempo si parla di predestinazione in One Piece, tant’è che Rufy è stato fatto somigliare da Oda in ogni modo a Roger tramite parole, gesti, azioni e desideri.
Ma questa volta il discorso si allarga all’intero clan: dev’esserci un filo conduttore a legare tutte queste persone teso a determinare il destino che li accomuna.

One Piece 996

E voi Commodoriani che idea vi siete fatti sul Popolo della D.? Perché è così importante? Cosa successe veramente 800 anni fa, quando nacque il Governo Mondiale?
Fateci conoscere le vostre teorie commentando qua sotto o sui nostri canali social!

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.
Se siete interessati ad anime e manga seguiteci sui nostri social dedicati: Facebook e sul canale Youtube!

Facebook Comments
Tags

Twitch!

Canale Offerte Telegram!