Dr Commodore
LIVE

Grapploct: il Pokémon della settimana #20

Grapploct

Questa settimana avremo un episodio pieno di tentacoli. Prima che ve lo chiediate, no, non siamo qui a parlare di hentai con i tentacoli, ma di Grapploct (オトスパス Otosupus), il Pokémon Jujitsu di tipo lotta.

I Grapploct evolvono dai Clobbopus quando salgono di livello dopo aver imparato la mossa Provocazione. A differenza della loro pre-evoluzione sono amanti della lotta e molto aggressivi, e non si tirano mai indietro se sfidati.

Il loro habitat naturale sono le acque dal clima artico, come quelle della riviera di Circhester. Nonostante vivano più che altro in acqua, sono in grado di sopravvivere anche in superficie. Lasciano le acque solo per cercare sfidanti con cui lottare. Le loro nemesi sono i Golisopod, con i quali si scontrano molto spesso, quando questo accade i perdenti dello scontro diventano il cibo dei vincitori.

Il loro copro è composto interamente da muscoli, e questo rende le loro mosse molto più potenti. La loro mossa peculiare è Tentacolock, con la quale immobilizzano gli avversari con i loro tentacoli. I Pokémon stretti in questa morsa vedono le loro possibilità di fuggire o essere richiamati nella pokéball estinte, e alla fine di ogni turno perderanno punti nelle statistiche della sia della loro difesa che di quella speciale. Un’altra loro particolarità è che insieme alla sua pre-evoluzione, sono in grado di riprodursi sia con mon del gruppo uovo Acqua 1 sia con mon del gruppo uovo Amrofo.

L’aspetto

La maggior parte del corpo di Grapploct è composto dai suoi otto tentacoli, quattro usati come braccia, tre come gambe e uno come “cintura”. Su ciascun tentacolo sono inoltre presenti due ventose rotonde e gialle. La pelle di questi mon è blu chiaro nella testa e nella parte esterna dei tentacoli, mentre nella parte interna e nella pancia è blu scuro.

Sulla faccia hanno una macchia simile alla maschera dei lottatori, con contorni verdi e interno giallo. Sulla schiena e sui tentacoli destri sono presenti delle righe che condividono i colori con questa “maschera”. La bocca è nascosta e sembra quasi un piccolo confine tra la testa e il petto. Gli occhi sono azzurri nella sclera e blu nell’iride. Ai lati della testa ci sono due piccoli organi che possono essere usati sia per respirare che per sparare inchiostro. Questi organi sono rotondi, con il contorno giallo e l’interno nero.

Nella sua versione cromatica la pelle diventa rossa e bianca, mentre le parti che prima erano gialle rimangono tali. I contorni verdi della maschera e le altre righe gialle passano dal verde all’arancione.


Grapploct è ispirato sia a un polpo che a un lottatore jujistu, con vari elementi provenienti dai wrestler e da chi pratica arti marziali come le cinture che vengono indossate. Si pensa inoltre che possa essere un riferimento ad uno sport popolare nella West Coast statunitense negli anni ’60, il wrestling con i polpi. Consisteva nella cattura di un polpo da parte di un sub, che lo trascinava poi a riva. Questo sport attirava l’attenzione di molti spettatori e venivano organizzati dei veri e propri campionati mondiali annuali. Le sorti dei polpi potevano essere molteplici: mangiati, liberati o donati ad un acquario.

E voi cosa ne pensate di Grapploct? Scrivetecelo nei commenti!

Fonti: 1, 2.

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

Se siete interessati ad anime e manga seguiteci sui nostri social dedicati: Facebook e sul canale Youtube!​

Articoli correlati

Yoel Carlos Schincaglia

Yoel Carlos Schincaglia

Nato il 14 febbraio 1997. Mi piacciono molto gli anime e credo nella canzone che ho nel cuore.

Condividi