Videogames Esport

Le marche di abbigliamento sportivo negli Esport

Le marche più famose per l’abbigliamento sportivo, invadono gli Esport

Aziende come Adidas e Puma, sono delle vere e proprie leggende. Il tutto inizia con i Dasslers, due fratelli tedeschi che possedevano una fabbrica di scarpe in una piccola città di nome Herzogenaurach. Per 30 anni i fratelli hanno lavorato insieme creando abbigliamento sportivo. Trovarono un enorme successo alle Olimpiadi del 1936 ma l’incombente guerra vide la fabbrica trasformarsi in armi – e i fratelli si divisero.

Rudolf Dassler ha fondato PUMA, Adolf Dassler ha fondato Adidas . La loro intensa rivalità divise la città di Herzogenaurach in due campi. Entrambi i fratelli Dassler passarono negli anni ’70 e furono persino sepolti dai lati opposti della città.

Nello stesso decennio, si presentò un’azienda tedesca, la Nike. Nuova appariscente società americana che ha fatto un grande ingresso nel settore nello stesso modo in cui Adidas e PUMA hanno fatto decenni prima, innovando in pista .

Ora, tutte e tre le aziende sono i più grandi marchi di abbigliamento sportivo al mondo. La famiglia Dassler non è più la forza trainante dietro PUMA o Adidas , ma la rivalità è ancora forte. Nell’ultimo anno, quella rivalità si è estesa agli Esport.

Adidas è stata la prima di queste aziende ad avere un accordo di abbigliamento con un’importante organizzazione di Esport. L’FC Copenhagen, una squadra di calcio Adidas , ha collaborato con Nordisk Film.

Nel 2019, Adidas ha creato una sneaker per il Team Vitality  e ha firmato accordi con il Lione e il Team Heretics . Nike ha sponsorizzato la LPL con kit unici per ogni squadra . PUMA ha afferrato Cloud9 e creato linee di abbigliamento sostenute da una pubblicità appariscente.

Team Esport, Cloud9 x PUMA

Durante il 2020, nonostante una pandemia, il ritmo è solo aumentato. Nike ha firmato un accordo con T1 Sports & Entertainment e SK Gaming . PUMA ha firmato una partnership con  LCK del T1. Quindi,  Adidas ha il maggior numero di organizzazioni, PUMA ha le due più grandi e Nike ha l’unica lega.

Matt Shaw, Senior Strategist, Esports e Brand Innovation per PUMA, ha dichiarato:

“L’Esports è un’estensione naturale di ciò che facciamo. Siamo una società sportiva ma in realtà siamo una società di cultura. Per essere un’azienda culturale, dobbiamo amare le cose che piacciono ai nostri consumatori. Una delle cose in cima alla lista di ciò che i nostri consumatori amano è il gioco e l’Esport come corollario.”

Shaw ha affermato:

“La definizione della parola “sport” è in continua evoluzione. I marchi sportivi non devono più giocare nella loro corsia. Il bello di PUMA è che siamo indissolubilmente legati alla cultura della musica, alla cultura dello spettacolo e alla cultura di Internet. Come marchio sportivo siamo in grado di mettere insieme tutti quei diversi fili culturali e dare vita a esperienze per Gen.G.”

Negli Esport, le organizzazioni si stanno espandendo in diverse aree della cultura oltre ai videogiochi competitivi. Ciò che significa essere un’organizzazione di Esport sta cambiando col passare del tempo.

Gina Chung Lee, VP di marca per Gen.G, ha dichiarato:

“La gente ha iniziato ad accettare giochi e Esports più sopra la pandemia. Le tendenze che stavano già accadendo sono state notevolmente accelerate da chiunque fosse bloccato a casa. Molto di questo si attaccherà, in particolare la convergenza di giochi, sport, musica e moda. Tutti questi mondi si stanno scontrando e molte altre collaborazioni inaspettate arriveranno presto quando le persone vedranno la sovrapposizione tra mondi diversi.”

Shaw ha detto:

“C’è abbastanza spazio per giocare negli Esport che le grandi marche non si sono mai incontrate. È davvero importante che ci sia un investimento da parte di diversi marchi di abbigliamento sportivo qui. Una delle sfide che devono affrontare i marchi di abbigliamento sportivo è stabilire gli Esport come un passatempo sportivo legittimo agli occhi del grande pubblico sportivo.”

Il dibattito tra Esport e sport probabilmente non finirà mai. Poiché gli Esports si sono dimostrati validi, specialmente in un mondo minacciato dal coronavirus, gran parte della comunità degli Esports è semplicemente andata avanti.

Tuttavia, quando si guarda al più ampio ecosistema sportivo, avere marchi come Nike, Adidas e PUMA che entrano negli Esports è un marchio di legittimità da parte dei trend setter culturali del mondo dello sport. In questo momento, c’è un sacco di spazio perché queste aziende possano operare senza problemi, ma ci sono solo così tanti potenziali partner là fuori. Se le tendenze attuali saranno vere, i giganti dell’abbigliamento sportivo aggiungeranno presto gli Esports all’elenco decennale dei campi di battaglia aziendali.

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

Twitch!

Canale Offerte Telegram!