Dr Commodore
LIVE

Boris 4 è la prossima serie che verrà rinnovata? La richiesta di un fan viene appoggiata dal cast

Un fan chiede direttamente a Netflix Italia di rinnovare Boris per la quarta stagione e il cast appoggia la sua richiesta.

La piattaforma streaming ha recentemente aggiunto al catalogo tutte e tre le stagioni di Boris, (qui il catalogo di Giugno) conclusa ormai nel 2007. C’è chi l’ha vista e ha fatto già il rewatch e chi non l’ha mai vista ed è entrato in un mondo nuovo, fatto di meme e citazioni da inserire tranquillamente nella quotidianità.

Ma oggi siamo qui per altro o meglio, siamo qui per darvi uno spiraglio di luce in mezzo a questo 2020 oscuro e macabro che ci sta mettendo alla prova giorno dopo giorno.

Un fan si è rivolto direttamente a Netflix Italia, chiedendo di considerare l’idea di produrre una quarta stagione di Boris.

Cesare Del Miriani è il fan che ha fatto scoppiare il delirio creando una petizione appositamente per il rinnovo e motivando la sua richiesta, esplicando i motivi per il quale questa serie meriti un’altra stagione non solo perchè è uno dei prodotti italiani migliori degli ultimi quindici anni, ma anche perchè ha segnato una generazione

La petizione ha ricevuto molte condivisioni ed è stata anche appoggiata da alcuni attori del cast come Carolina Crescentini (Corinna), Caterina Guzzanti (Arianna) e Paolo Calabresi (Biascica), e Karin Proia suscitando nei fan della serie un briciolo di speranza in più.

Non sappiamo dirvi altro per il momento, il rinnovo di Boris sarebbe l’unica cosa positiva di questo 2020 non solo perchè darebbe di nuovo il via ad una produzione di qualità, ma anche per omaggiare Mattia Torre che ci ha lasciati un anno fa. 

E allora DAI DAI DAI Netflix, attendiamo buone notizie!

Firmate la petizione qui!

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

Articoli correlati

Cristina Nifosi

Cristina Nifosi

Cristina, 24. Ho una crush infinita per Chris Evans.

Condividi