Dr Commodore
LIVE

Grass Kings | La nostra recensione senza spoiler

C’è un luogo al di là delle colline, là dove non puoi vederlo. Sta oltre un bosco, protetto da un lago che si estende per 60 km. Sta lì nel mezzo. Là dove il vento solo può entrare liberamente, un vento che somiglia a una corrente, che tira senza spingere i corpi leggeri e fragili di anime forti e ferite.

Sta nel mezzo, ma sta anche “al di sopra”. Sopra le leggi che il resto del mondo, quello che gli sta intorno si’intende, impone. È dominato da leggi superiori, di quelle che non possono essere ignorate. Da quelle leggi antiche, che dominano l’animo umano da prima che questo sapesse definirsi tale; di quelle leggi che esistono da prima che qualcuno imparasse a scriverne di altre. Diverse da quelle che abbiamo imparato a conoscere per distinguerci dagli animali, ma incredibilmente simili a quelle che li governano.

“Senti, in questo paese ci vive chi vuole fare di testa sua. Chi vive e lavora per se stesso e per gli altri. Le regole che rispettiamo le scegliamo tutti insieme. Decidiamo noi chi vive qui.”

Benvenuti a nel Regno della Prateria.

GK_drc

Grass Kings esce il 18 febbraio in libreria , graphic novel edita da Oscar  Mondadori Vault, grazie alla quale abbiamo potuto leggerla in anteprima. Grass Kings è la storia scritta da Matt Kindt che ha lavorato a pubblicazioni come Justice League of America (DC Comics) e Spider-Man (Marvel), e disegnata da Tyler Jenkins nel 2017.

Un racconto che sembra arrivarci da un altro tempo, che porta dentro di se tutta la carica e la tensione di anni di conflitti che si sono alternati sullo stesso territorio. In un luogo dove sembra quasi che lo spirito di chi è caduto su questa terra per difenderla, sia fiorito dentro gli animi di chi vi ha trovato riparo, nutrendolo e rendendolo pronto a difenderlo fino alla fine. Una guerra contro se stessi, dove la pace è stata conquistata sul sangue di qualcun altro, con lacrime e sudore, e del quale il lago è unico testimone. Una clima instabile dove la tensione è quasi palpabile, che se avesse una consistenza parrebbe quasi quella del sangue denso.

È una pace che sembra durare dal 1950 quella nella quale si snoda la storia.

Una pace fragile che sembra destinata terminare anch’essa in questo ciclo, dove chi si fa forte della sua conquista è da secoli destinato a cadere per mano di chi verrà poi. L’unica cosa che sembra possibile fare è quella di cercare la serenità nei giorni di tregua, in quelli dove chi ci vive non deve difendersi, ma sempre pregando che ogni giorno non sia l’ultimo.

Che anche l’ultimo di questi scontri sia arrivato al suo epilogo?

Il Regno della Prateria

Questo è il Regno della Prateria, dove gli uomini hanno trovato un luogo dove poter vivere serenamente, dentro al quale una bestia ben più feroce di quelle che siamo abituati a immaginare, ha deciso di venirsi a nutrire; e si sa che la bestia più feroce di tutti non è altro che l’uomo. La sua non è fame legittima, ma una sete di sangue che sembra non poter essere placata con il semplice omicidio. La pace è solo apparente e il seme della paura è stato piantato anni prima, quando il lupo ha trovato un gregge tranquillo del quale nutrirsi.

Si nasconde tra i nemici che il Regno ha chiuso fuori o vive tra di loro? Ucciderà ancora?

Il Regno della Prateria è costantemente minacciato dalle autorità della città vicina Cargrill, la quale afferma l’estensione della propria giurisdizione su di questa.

Gli attriti tra le due comunità sono cresciuti vertiginosamente negli ultimi anni, complice un assassino fantasma che non è mai stato trovato e le quali azioni continuano a tormentare anni dopo le persone vicine alle vittime. Gli attriti non sono sono solo di carattere legale, sono le persone che abitano Cargrill e il Regno a incontrarsi e scontrarsi in un racconto sincopato che somiglia a tratti al ricordo confuso di un incubo, tracciato dalle pennellate di colore a tratti più forti a tratti più dolci e dove le parole invece ci riportano alla realtà dei fatti, nero su bianco.

Storie diverse, persone che dormono sogni tormentati, quando riescono a dormire, sotto lo stesso cielo limpido che solo chi vive fuori città conosce, mentre da svegli vivono con l’ombra dell’incubo di chi ha perso qualcosa, di chi ha perso qualcuno, di chi ha lottato tutta la vita per trovare la pace e che la vede minacciata giorno dopo giorno senza poter fare niente.

Grass Kings

  • Bruce: Fratello di Robert e Ashur. Sceriffo e figliol prodigo del Regno, esiliato dalla vicina città di Raven per accuse di brutalità.
  • Robert: Fratello di Bruce e Ashur. Governa a fatica il Regno mentre piange la misteriosa perdita della figlia e la separazione dalla sua ex.
  • Humbert JR: Sceriffo della rivale cittadina di Cargill, da sempre nemico del Regno della Prateria e di ciò che esso rappresenta.
  • Shelly: Grintosa e pragmatica, custode dello sfasciacarrozze. Abile con i fucili quanto con i motori.
  • Pike: Titolare dell’emporio e originario delle Prime Nazioni. Parla più con le azioni (e con il coltello) che con le parole.

E ancora Maria, il Barone, le sorelle satellite e Archie.

Sono solo alcuni dei personaggi che abitano queste pagine, ognuno con la propria storia confusa, che verrà accennata o raccontata, e a volte compresa attraverso le loro azioni.

Come ci si può difendere quando non si conosce il proprio nemico?

Grass Kings

Grass Kings è una storia dal sapore nostalgico, dove la polvere di un America dimenticata ci sporca la bocca, e che richiama come compagna di lettura una chitarra come quella di Bruce Springsteen. Un giallo difficile da risolvere, dove la vita ostacola le indagini e nemici diversi attaccano su diversi fronti.

Gli autori

Storia

Matt Kindt inizia a disegnare fumetti perché affascinato dalla combinazione di parole e immagini. I fumetti e le graphic novel, sceneggiati e disegnati dal lui, come Mind MGMT, Revolver, 3 Piani, Super Spy, sono stati classificati tra i bestseller del New York Times.
Oltre a Grass Kings tra i suoi lavori come sceneggiatore ci sono anche Justice League of America (DC Comics), Suicide Squad (DC Comics), Spider-Man (Marvel), Unity, Ninjak, Ether, Rai e Divinity (Valiant).
Ha avuto la nomination per 6 premi Eisner e 6 premi Harvey, vincendone uno.

Disegni

Tyler Jenkins è un’artista che divide il suo talento tra il disegnare fumetti, dipingere quadri e comporre musica. Tyler è noto soprattutto per il lavoro svolto con Matt Kindt e Peter Panzerfaust in collaborazione con Kurtis Wiebe per la realizzazione di Grass Kings.
Ha inoltre disegnato Snow Blind con Ollie Masters e Neverboy con Shaun Simon.
I suoi lavori Potete ammirare i suoi lavori su Instagram: @tylerjenkinsprojects.

Specifiche tecniche

Grass Kings

copertina non disponibile

Storia: Matt Kindt
Disegni: Tyler Jenkins
Editore: Oscar Mondadori
Data pubblicazione: 18 febbraio 2020
Copertina flessibile: 448 pagine
Editore: Mondadori
Collana: Oscar Ink
Disponibilità: Amazon, MondadoriStore.

 

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

Inoltre continuate a seguire gli aggiornamenti su Anime e Manga nei social ufficiali dedicati: InstagramGruppo e canale Youtube!

Articoli correlati

Chiara Porru

Chiara Porru

Eterna nostalgica degli anni ‘90, cresciuta immaginando un futuro lontano forse 1000 anni e che probabilmente non vedrò mai se non grazie ad anime, film e videogiochi. Qui su DrCommodore scrivo di anime e manga, dando finalmente voce a quella parte di me cresciuta leggendo Kappa Magazine e guardando anime su MTV.

Condividi