Dr Commodore
LIVE

“Storia di un matrimonio” è il film preferito di Nicolas Cage del 2019: “Con quattro divorzi, so cosa vuol dire”

Nicolas Cage ha dichiarato in un’intervista che il film di Noah Baumbach è stato uno dei suoi preferiti del 2019.

Storia di un matrimonio, film con protagonisti Adam Driver e Scarlett Johansson, parla della fine di un matrimonio e di come sia difficile tenere in piedi una famiglia dopo la scelta del divorzio. Qui la nostra recensione.
Chi più di Nicolas Cage che ha affrontato ben quattro divorzi con Patricia Arquette, Lisa Marie Presley, Alice Kim e con Erika Koike riuscirebbe meglio ad immedesimarsi? Ha così detto durante un’intervista in cui parlava del suo ultimo horror Color Out of Space :

“Penso che sia un film molto importante. Penso che chiunque stia anche solo considerando il divorzio, ma anche qualsiasi famiglia, dovrebbe essere tenuto a vederlo. Avendolo affrontato, so che il diritto di famiglia è assolutamente il peggiore.”

A quanto pare Cage ha avuto serie difficoltà a stare con una donna nell’ultimo decennio ma ha comunque coltivato un rapporto magnifico con i suoi figli.

La sinossi di Storia di un matrimonio:

Storia di un matrimonio, il film diretto da Noah Baumbach, segue la storia di Charlie, regista teatrale, e Nicole, sua moglie e attrice, sposati con un bambino. Lei è una madre affettuosa e complice, lui un padre attento e presente. Ognuno apprezza l’altro, sia nei suoi pregi che nei difetti. La madre di Nicole adora Charlie a tal punto da considerarlo più un amico che un genero. Sembra il ritratto di una piccola famiglia perfetta, ma c’è qualcosa che non va. Un tassello si inclina, portando la coppia a quella che sembra l’unica soluzione alla loro infelicità: il divorzio.

Il trailer dell’ultimo film dii Nicolas Cage:

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

Articoli correlati

Cristina Nifosi

Cristina Nifosi

Cristina, 24. Ho una crush infinita per Chris Evans.

Condividi