Dr Commodore
LIVE

I migliori e i peggiori film con Samuel L. Jackson

Il 21 dicembre del 1948 nasceva uno degli attori più iconici del secolo: Samuel L. Jackson.

Abbiamo stilato una lista dei suoi migliori e peggiori film.  

Cominciamo subito con i peggiori:

5. Robocop (di Josè Padilha – 2014)

L’attore interpreta Patrick Novak, anchorman del ‘The Novak Element’ il cui unico scopo è esaltare RoboCop, la macchina che pensa come un uomo.

Non è però l’interpretazione di Samuel L. Jackson a rendere questo film uno dei peggiori, ma è il film in sé, scarsa operazione del reboot del classico del 1987.

 

4. Trilogia di XXX (Rob Cohen – 2002, Lee Tamahori – 2005, D.J. Caruso – 2017)

Tutti e tre i film sono trash e sanno di esserlo. Ma non è un buon motivo per salvarli.  Samuel L. Jackson interpreta in tutti e tre i film l’agente Augustus Eugene Gibson dell’NSA che coinvolge Vin Diesel in una serie di situazioni fuori dal normale, che rendono il film così trash.

3. Captain Marvel (Anna Boden e Ryan Fleck – 2019)

Sappiamo tutti che ruolo interpreta Jackson, ma ribadirlo non fa male. Nick Fury è il capo dello Shield e la sua presenza anche se per pochi secondi (come in End Game) è ricorrente in tutti i film della Marvel.

Perché uno dei peggiori? I motivi sarebbero davvero tanti, basti pensare soltanto a come il nostro Nick Fury ha perso l’occhio. Anni ed anni a cercare di capire in che modo lo avesse fatto, leggende su leggende a farci scervellare per capire come fosse successo e alla fine la risposta di Nick Fury durante una discussione con Steve Rogers lui risponde “L’ultima volta che mi sono fidato di qualcuno ho perso un occhio.” Sappiamo tutti com’è andata a finire… 

2. Big Game ( Jalamari Helander – 2014)

Il presidente degli Stati Uniti è in viaggio verso Helsinki ma viene attaccato dai terroristi ed è costretto ad abbandonare l’aereo. Si ritroverà a dover sopravvivere in un bosco grazie all’aiuto di un bambino mandato lì “per diventare un uomo”. Serve qualche altra motivazione per definire questo film uno dei peggiori?

1. Jumper (Doug Liman – 2008)

Al primo posto della nostra classifica c’è JUMPER, forse uno dei punti più bassi della carriera di Samuel L. Jackson. 

Roland fa parte dei ‘Paladini’ una setta religiosa che da la caccia ai ‘Jumper’ persone capaci, come il protagonista, di “saltare” da un posto all’altro, considerati degli abomini innaturali. 

Il film non ha una sola cosa positiva: sceneggiatura, regia, interpretazioni, montaggio e fotografia non riuscirebbero a classificarsi neanche tra i film amatoriali più brutti.

Troppo cattivi? 

Allora forse una cosa positiva c’è, se siete fanatici di quel genere di cinema che ha segnato gli anni 2000, Jumper è perfetto per voi.

 

Ma ora passiamo al meglio. 

 

5. Coach Carter (Thomas Carter- 2005)

Samuel L. Jackson ricopre il ruolo del Mister Ken Carter che va ad insegnare in una scuola nel ghetto. Si ritrova ad allenare questa squadra con evidenti problemi familiari, di soldi, criminali e disagio sociali ma che hanno davvero talento. La regola che istituisce è che debbano andare bene a scuola, altrimenti non verranno allenati.

Aiuterà ogni giocatore a realizzarsi facendoli diventare delle persone importanti nella loro vita, metterà in evidenza non solo l’aspetto sportivo ma anche e soprattutto i valori che i ragazzi impareranno. 

 

4. Fa la cosa giusta (Spike Lee – 1989) 

Quarto lungometraggio di Spike Lee che attraverso la commedia e l’ironia parla di intolleranza razziale. La pellicola si ispira ad un fatto di cronaca del 1986. Nella giornata più calda dell’anno in un ghetto di Brooklyn esplode la violenza tra gli abitanti neri del posto e gli italiani proprietari di una pizzeria. Il tempo della storia viene scandito dall’inconfondibile e calda voce di Samuel L. Jackson speaker di una stazione radio nel quartiere. Sebbene appaia davvero poco, l’attore ci regala una delle sue interpretazioni più interessanti e divertenti, osservatore e narratore delle vicende del film.

3. Kingsman ( Matthew Vaughn – 2014)

 Basato dalla miniserie a fumetto di Mark Millar è una spy story con Samuel L. Jackson che interpreta un cattivo sopra le righe, un moderno Zuckemberg fissato con la tecnologia, una sorta di guru tecnologico. La vicenda ruota attorno a Gary Eggsy Unwin che viene addestrato da Harry Hart (Colin Firth) per farlo diventare un agente segreto, ovvero un Kingsman. 

 

2. Unbreakable e Glass (M. Night Shyamalan – 2000, 2019)

Unbreakable

Al terzo posto troviamo i due film di Shyamalan che a nostro parere sono due dei migliori film di Jackson. 

Il primo è la storia di David Dunn (Bruce Willis) e del suo amico Elijah Price (Samuel L. Jackson) , un cultore del fumetto con una malattia genetica che rende le sue ossa come se fossero fatte di cristallo.

Si fa chiamare Mr Glass nella scena finale a causa appunto del suo problema alle ossa che non gli hanno mai permesso di vivere una vita normale come tutti gli altri, ma ha sempre tratto una cosa positiva da questo disturbo, ovvero la sua intelligenza che lo ha reso  un supereroe. 

Glass

Glass è la conclusione della trilogia la cui trama è legata ai suoi film antecedenti, con una regia decisamente magistrale sempre guidata da Shymalan. 

Il film si concentra sui tre protagonisti Elijah, David e Kevin Wendell Crumb (James McAvoy), rinchiusi in un istituto psichiatrico per essere monitorati dalla dottoressa Ellie Staple che li convincerà di non essere assolutamente quello che credono, ovvero speciali. 

L’interpretazione di Samuel L. Jackson è decisamente una delle migliori.

 

1. Pulp Fiction e Jackie Brown (Quentin Tarantino 1994 – 1997)

Pulp Fiction

Al primo posto non potevamo che mettere due dei nove film di Quentin Tarantino. Il regista ha fatto recitare il protagonista di questo articolo in molti dei suoi film.

L’interpretazione in Pulp Fiction di Samuel L. Jackson è stata una delle più iconiche della storia, basti pensare soltanto al passo della Bibbia che recita prima di uccidere qualcuno: “Ezechiele 25.17: “il cammino dell’uomo timorato è minacciato da ogni parte dalle iniquità degli esseri egoisti e dalla tirannia degli uomini malvagi. Benedetto sia colui che nel nome della carità e della buona volontà conduce i deboli attraverso la valle delle tenebre; perché egli è in verità il pastore di suo fratello e il ricercatore dei figli smarriti.

E la mia giustizia calerà sopra di loro con grandissima vendetta e furiosissimo sdegno su coloro che si proveranno ad ammorbare ed infine a distruggere i miei fratelli. E tu saprai che il mio nome è quello del Signore quando farò calare la mia vendetta sopra di te.

” Ora, sono anni che dico questa cazzata, e se la sentivi significava che eri fatto. Non mi sono mai chiesto cosa volesse dire, pensavo che fosse una stronzata da dire a sangue freddo a un figlio di puttana prima di sparargli. Ma stamattina ho visto una cosa che mi ha fatto riflettere.

Vedi, adesso penso, magari vuol dire che tu sei l’uomo malvagio e io sono l’uomo timorato, e il signor 9mm, qui, lui è il pastore che protegge il mio timorato sedere nella valle delle tenebre. O può voler dire che tu sei l’uomo timorato, e io sono il pastore, ed è il mondo ad essere malvagio ed egoista, forse.

Questo mi piacerebbe. Ma questa cosa non è la verità.

La verità è che TU sei il debole, e io sono la tirannia degli uomini malvagi. Ma ci sto provando, Ringo, ci sto provando, con grande fatica, a diventare il pastore” bisogna aggiungere altro? Il modo in cui pronuncia “Motherfucker” è poesia.

Jackie Brown

A Los Angeles, Ordell, mercante d’armi (S.L. Jackson), vuole ritirarsi dagli affari, ma non prima di venire in possesso di un’ingente somma depositata in Messico. Dovrebbero aiutarlo l’amico Louis Gara (R. De Niro), appena uscito di prigione, l’amante Melanie (B. Fonda) e la ex socia (P. Grier), arrestata per colpa sua. Max Cherry (R. Forster) che la fa uscire di prigione, pagando una grossa cauzione a nome di Ordell, s’innamora di lei e la aiuta a impossessarsi del malloppo ingannando tutti.

 

Questi sono per noi i 5 peggiori e i 5 migliori film di Samuel L. Jackson. E voi quali film classifichereste?

Tanti auguri per i suoi 71 anni a Samuel L. Jackson! 

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscord e Twitch.

Articoli correlati

Cristina Nifosi

Cristina Nifosi

Cristina, 24. Ho una crush infinita per Chris Evans.

Condividi