fbpx
Anime & Manga Approfondimento

My Hero Academia, Stagione 4: Commento episodio 1

Ammettiamolo senza pregiudizi: l’assenza di My Hero Academia si fa sentire. Sarà per la capacità della storia di Kohei Horikoshi di riuscire sempre a coinvolgere lo spettatore in una marea di emozioni diverse? O magari sarà perché l’adattamento animato di BONES riesce a conferire al materiale originale quell’alito di vita che lo rende unico?

La risposta cercatevela da soli. Però permettetemi un consiglio: aspettate di vedere Lo scoop della 1-A dello Yuuei. Perché? Semplice, perché l’episodio aggiunge un’altra possibile risposta: i personaggi. Di modi per reintrodurci alla storia ce n’erano di innumerevoli, e chi tra voi ha avuto a che fare con i filler lo sa. Eppure è stato scelto proprio quello di farci entrare nuovamente nella loro dimora dopo più di anno; di farci assaporare quell’atmosfera familiare che li lega e CI lega a loro. Questi personaggi li vogliamo bene, e caspita se non ce ne siamo appena ricordati!

My hero academia

Bene, ma com’è andata in casa BONES in questo fatidico anno? Cosa dobbiamo aspettarci sul piano tecnico e contenutistico da questa quarta stagione? L’arrivo del nuovo film ha in qualche modo inciso sulla qualità generale della serie TV così come ha fatto nella terza stagione? E se l’ha fatto, dobbiamo preoccuparci?

La quarta stagione ha visto parecchi dei suoi nomi più importanti andarsene o al massimo assumere ruoli che li tenessero meno ancorati alla produzione. A causa del nuovo film, infatti, Kenji Nagasaki ha ceduto il ruolo di regista per assumerne uno “meno impegnativo”. E lo stesso vale per Takahiro Mori, che è passato dall’essere chief animation director ad animation director e key animator. Anche Yoshihiko Umakoshi abbandona il ruolo di CAD a causa del suo nuovo impegno con Doremi, mentre Takashi Mitani è stato indaffarato con Carole & Tuesday.

Quindi… dobbiamo preoccuparci? Non eccessivamente. Sul fatto che in molti se ne siano andati non ci piove, e loro mancanza (specialmente quella di Umakoshi) sarà più che sentita. Tuttavia, la serie ha avuto una programmazione migliore di quella precedente. Che, praticamente, vuol dire che i membri dello staff rimasti e quelli arrivati a sostituirli hanno avuto più tempo per fare tutto al meglio. L’eccellente Hitomi Odashima rimane nel suo ruolo di CAD (e ci regala anche questa fantastica ending) e a sostituire Nagasaki nel ruolo di regista arriva Masahiro Mukai. Mentre il primo va ancora scoperto, specialmente nelle scene d’azione, Odashima è un punto fisso… e questa volta ha avuto persino più tempo a disposizione. Per questo sono certo che contribuirà notevolmente a trasformare quello che i fan definiscono uno dei migliori archi del manga in un qualcosa di memorabile. Insomma: meno mani diverse ma probabilmente molto più incisive.

Non che Mukai non si sia fatto notare… comunque. E purtroppo sia in positivo che in negativo. Il regista ha praticamente diretto la peggiore sigla d’apertura in termini di regia e animazioni che il franchise ha mai offerto, e il suo primo episodio ha anche fatto spazio a delle preoccupanti animazioni riciclate. Al contempo, però, ci ha anche regalato un episodio (re)introduttivo davvero piacevole. E non soltanto perché questo riesce a celare efficacemente il riassunto all’interno di una narrazione coerente e interessante, ma anche perché ripresenta la serie in una maniera diversa rispetto a quello a cui eravamo abituati. I suoi caratteristici contrasti con la luce sono fantastici e le sue peculiari inquadrature ampie colgono senza necessità di altre addizioni l’amarezza che l’attuale condizione di All Might ha scatenato dentro l’animo del nostro Midoriya, di noi spettatori e del nuovo giornalista.

E non catturano solo quella, ma anche l’ambiente circostante, dando più risalto ai fondali, ai colori e al lavoro svolto in fase di compositing. Perché alla fine è proprio l’ambiente a farla da protagonista. Le condizioni atmosferiche faranno da specchio al turbamento di Midoriya e dello spettatore dinanzi alle ottime osservazioni del giornalista e li accompagneranno schiarendo i cieli quando questo confesserà di non avere cattive intenzioni. I filtri fotografici si tingono dello stesso calore scaturito dalla tiepida confessione del personaggio, e nel cielo si accende la stessa speranza che il breve discorso con Midoriya dona al nostro giornalista. Attorno ai personaggi c’è della vita. Il percorso degli uccelli durante l’episodio; il topolino; le piante; persino i cittadini increduli che occupano più spazio di un eroico All Might all’interno di questa inquadratura; tutte dimostrazioni di un forte interesse nel creare un mondo ricolmo di una vita funzionale alla narrazione.

Un approccio affascinante e nuovo per il franchise che, almeno per adesso, non mi ha fatto rimpiangere per nulla quello di Nagasaki. Adesso, però, non resta che vedere Mukai in azione. Letteralmente.


Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

Inoltre continuate a seguire gli aggiornamenti su Anime e Manga nei social ufficiali dedicati: InstagramGruppo e canale Youtube!

Facebook Comments

Matteo Mellino

Matteo Mellino, sul web Mr. Gozaemon.
Tormenta continuamente amici e familiari parlando dell'argomento che più lo affascina e al quale dedica tutto il suo tempo libero: l'animazione giapponese.
Più pigro di Spike, testardo quanto Naruto ma sempre positivo come Gon.