fbpx
News Videogames

Strage a Odessa, il sindaco dà la colpa ai videogiochi

Dannati videogiochi, state distruggendo l’America!

Lo scorso weekend in Texas, precisamente nella città di Odessa, si è consumata l’ennesima, assurda strage perpetrata tramite l’utilizzo di armi da fuoco; la sparatoria ha portato al ferimento di 21 persone ed alla tragica scomparsa di 5 individui. Durante un’intervista il sindaco della città, David Turner, ha ovviamente attaccato il vero colpevole di queste stragi: il videogioco. Il primo cittadino ha infatti dichiarato quanto segue:

“Penso che sia un problema del cuore, voglio essere chiaro con voi. Abbiamo alcuni dei videogiochi più violenti che possiate vedere. Questo problema può essere risolto solo con la preghiera”

Come dargli torto? I videogiochi sono la vera causa di ogni utilizzo di arma da fuoco. Call of Duty, GTA, Red Dead Redemption, Battlefield ed affini sono dei perfetti insegnanti! Quante volte, grazie a questi titoli, ho deciso di imbracciare il mio fucile tranquillamente acquistato al supermercato sotto casa per far fuori quei quattro/cinque passanti che, a causa della loro estrema vicinanza alla mia persona, mi hanno infastidito! Ma d’altronde è normale, no? I gamer sono persone solitarie, che odiano il contatto col prossimo e sviluppano rancore nei confronti dello stesso, mica si mettono pazientemente in fila in un server per completare una missione in un qualunque MMO troppo affollato!

Strage a Odessa
Rara foto di me che vado a fare la spesa.

Per non parlare poi delle volte in cui, grazie ai pratici tutorial presenti nei suddetti titoli, ho finalmente capito come utilizzare il fucile acquistato all’Eurospin; è stato difficile abituarmi, non lo nego, soprattutto dopo aver scoperto che la combinazione R2-L2 non poteva essere utilizzata anche nella vita reale per mirare e sparare. Tuttavia, dopo aver fatto un po’ di pratica sparando al vicino che guardava la TV ad un volume troppo elevato, ho finalmente acquisito un’esperienza senza pari. Non potete capire poi la delusione vissuta dopo aver visto che, nonostante una killstreak di otto uomini, non mi era stato recapitato alcun bonus. Per fortuna che a redimere il mio animo da gamer ci pensa il Cuore Immacolato di Maria, unica soluzione a questo ENORME problema che sta distruggendo uno degli Stati più potenti del mondo, se non il mondo stesso. Perchè mica il problema è trovare delle armi al negozietto vicino casa? Nah. Il fanatismo? Neanche! La totale liberalizzazione di pistole, mitra, fucili e simili? Macchè! Il problema è sempre, sempre lo stesso: la gente che preordina ed acquista Call of Duty. Ovvio, no? Che poi, i preordini.. quelli sì che sono un problema che meriterebbe un discorso a parte!

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

 

 

Facebook Comments

Carlo D'Alise

Videogiocatore dagli indimenticabili tempi dello SNES. Praticante avvocato nel tempo libero, appassionato in particolare di Action, Soulslike ed RPG, ma in generale del videogioco in (quasi) tutte le sue declinazioni. Sono ad un panino dall'obesità.