fbpx
News Tech

Android, addio ai dolci nei nomi delle prossime versioni

android

La fine di un’era per Android

Google ha annunciato che Android Q non avrà un soprannome da dessert. Una tradizione che dura da un decennio è giunta al termine. Android Q verrà semplicemente chiamato “Android 10“. Google ha anche presentato il restyling del marchio Android.

android

Google ha affermatodi aver ricevuto feedback nel corso degli anni riguardo i soprannomi dei dessert che non sono sempre stati compresi dalla comunità globale. L’esempio che danno è in riferimento alle lettere L e R, che non sono distinguibili in alcune lingue. Quindi, se qualcuno dice “Android Lollipop“, non è chiaro che si sta riferendo alla versione dopo KitKat. Google ha anche fatto notare che alcune delle prelibatezze usate come nomi non fossero dessert o  non fossero molto popolari in alcune regioni.

D’ora in poi le versioni di Android avranno semplicemente un numero. Non è ancora chiaro cosa succederà alle versioni beta che in genere sono indicate con una sola lettera (Android P, Android Q, ecc.).

Successivamente, Google ha annunciato un logo ridisegnato e una nuova combinazione di colori per il marchio Android. L’ultimo restyling per il marchio risale al 2014. Il nuovo logo introduce il familiare robot Android  in una nuova tonalità di verde. Il marchio Android è ora in  versione monocromatica nera o bianca.

 

La versione finale di Android 10 includerà questo nuovo logo al rilascio, atteso nelle prossime settimane.

Cosa ne pensate? Preferivate una denominazione più “dolce” e “culinaria” o siete d’accordo con la scelta di Google?

FONTE

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord, Steam e Twitch.

Facebook Comments

Gabriele Pati

Cresciuto con libri di cibernetica, insalate di matematica e una massiccia dose di cinema e tv, nel tempo libero studia ingegneria, pratica sport e cerca nuovi modi per conquistare il mondo.

Vanta il poco invidiabile record di essere stato uno dei primi con un account Netflix attivo alla mezzanotte del 22 ottobre 2015.