fbpx
Film/Serie Tv News

Netflix cancella The OA: le parole di Brit Marling

Dopo numerosi rumors e falsi allarme arriva la conferma ufficiale: The OA si chiude con la Parte II, uscita a marzo 2019. L’annuncio arriva direttamente dal profilo Instagram di Brit Marling, autrice e attrice protagonista della serie, che si dice rammaricata e allo stesso tempo fiduciosa riguardo ad eventuali altre produzioni che vedranno la luce in futuro. Di seguito uno stralcio della lunga lettera rivolta agli spettatori:

Cari fan di The OA,
Alcuni di voi potrebbero già saperlo o alcuni di voi potrebbero venire a conoscenza tramite questa lettera che Netflix non continuerà The OA. Zal e io siamo profondamente tristi di non poter finire questa storia. La prima volta che ho sentito la notizia sono scoppiata a piangere. E così è stato anche per uno dei nostri dirigenti di Netflix, che è stato con noi sin dai primi giorni quando stavamo disegnando il seminterrato di Hap sul pavimento del nostro ufficio di produzione nel Queens. È stato un viaggio intenso per tutti coloro che hanno lavorato e si sono occupati di questa storia.
[…] Questo è ciò che The OA è stato per Zal e per me, e per ogni altro artista che si è unito a noi. La possibilità di entrare in un altro mondo e sentirti libero in esso.
Ringraziamo profondamente Netflix e le persone con cui abbiamo lavorato lì per aver reso possibile (la realizzazione e l’uscita della, ndr.) Parte I e Parte II. Siamo orgogliosi di quelle 16 ore senza compromessi. […] Anche se non possiamo finire questa storia, posso promettervi che ne racconteremo altre. Non sono riuscita a trovare un altro modo per stare al mondo dell’antropocene. E forse, in un certo senso, va bene non concludere questi personaggi.
Steve Winchell sarà sospeso nel tempo nella nostra immaginazione, in continua evoluzione, perennemente inseguendo e infine raggiungendo l’ambulanza.
Con affetto, Brit


Nessuna parola è stata spesa riguardo le sorti dei protagonisti e il proseguo della storia: sembra proprio che per The OA non ci sia più niente da fare, malgrado i numerosi fan dispiaciuti e arrabbiati che non hanno perso tempo nell’inveire direttamente contro Netflix. A seguito dell’annuncio sono partite anche delle petizioni, che invocano le emittenti a valutare l’idea di dare vita ad almeno un’altra stagione conclusiva alla serie. La più popolare, che conta al momento più di 37 mila firme, è disponibile qui.

 

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord, Steam e Twitch.

Facebook Comments

Martina Cappello

Da studentessa non esattamente modello di Ingegneria dell'informazione, passo il mio tempo tra libri della facoltà, film d'autore e serie tv. Tra i miei interessi si distingue l'amore per l'universo di Twin Peaks, di Lynch in generale, della musica e della filosofia.