fbpx
Breaking News News Tech

Hackerato Winrar.it: malware al posto del programma

Il sito di Winrar Italia (winrar.it) ieri ha subito un attacco hacker.

Cosa è successo?

Nel pomeriggio della giornata di ieri (19\06\19) il sito di Winrar Italia è stato vittima di un attacco hacker. Gli utenti che hanno scaricato il noto programma hanno ignaramente scaricato anche un malware che ha infettato il loro computer.

winrar-malware

Come si evince dall’immagine il tipo di infezione è un malware della tipologia ransomware, un fastidiosissimo programma di tipo malevolo che, una volta infettato il nostro computer, rende inaccessibili i nostri file personali a meno che non si paghi un riscatto.

Solo verso mezzanotte il sito è stato messo offline. Tuttora, se si visita www.winrar.it ci troviamo davanti a questa schermata:

Chi è rimasto vittima?

Gli utenti colpiti sono solo quelli che hanno scaricato il programma dal sito italiano e solo nella giornata di ieri. Chiunque avesse scaricato il programma invece dal sito ufficiale (rarlab.com) non rischia nulla.

Cosa fare ?

Qualora si avessero dubbi o si è scaricato ieri il programma dal sito www.winrar.it ci sono due cose da fare. Utilizzare un buon antivirus per vedere se effettivamente si è stati colpiti tramite una scansione euristica (o approfondita). Qualora il vostro pc risultasse compromesso vi consigliamo sinceramente di fare un backup qualora i vostri dati siano ancora “integri” e fare una nuova installazione del sistema operativo, o in alternativa da portarlo a un centro assistenza per farvi aiutare qualora non foste in grado di farlo.

E se si è scaricato precedentemente Winrar?

Nel caso in cui si fosse scaricato nei giorni antecedenti Winrar dal sito italiano nessun problema, il vostro computer è salvo. Se avete dei dubbi potete sempre lanciare una scansione dal vostro antivirus.

In attesa di una risposta di Rarlab e winrar.it vi terremo informati dei possibili sviluppi. Stay tuned.

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

Facebook Comments