fbpx
News Videogames

Rainbow Six Siege: tutti i dettagli di Operazione Wind Bastion

Rainbow Six Siege

Operazione Wind Bastion sarà ambientata in Marocco, arrivano Nomad e Kaid

Tutti i fan di Rainbow Six Siege, il noto sparatutto di casa Ubisoft, stanno aspettando con ansia l’arrivo della prossima stagione. La  sua presentazione ufficiale da parte di Ubisoft avverrà durante la finale della Pro League del titolo, che si terrà il 17 e il 18 Novembre; tuttavia, lo sviluppatore ha già rivelato numerosissimi dettagli. Essi riguardano in particolare la nuova mappa e i due nuovi operatori di Operazione Wind Bastion. Scopriamo quindi insieme tutte le novità!

Rainbow Six Siege

Fortezza, la nuova mappa

Innanzitutto, parliamo della nuova mappa, denominata Fortezza. Essa sarà ambientata in Marocco, che è poi il Paese di provenienza dei due operatori. Essa è fortemente associata alla storia di uno dei due operatori, Kaid. Si tratta di una mappa diurna, collocata in una qasba (fortezza tipica delle città arabe). Sarà costituita di torri, scale esterne e fortificazioni varie su diversi livelli di altezza, e permetterà combattimenti sia a corto che a medio raggio. Se volete farvi un’idea di come apparirà Fortezza, eccovi il video di presentazione:

I nuovi operatori, Nomad e Kaid

Come da tradizione, con il rilascio di Operazione Wind Bastion non potranno mancare le new entries, che saranno due.
Dal lato degli attaccanti abbiamo Nomad, una soldatessa del GIGR, il reggimento militare della gendarmeria reale marocchina. Esperta nel combattimento come nella sopravvivenza e nella diplomazia, Nomad ha partecipato a numerosissime operazioni in giro per il mondo. È una sognatrice e una viaggiatrice, e durante le pause dal servizio ama intraprendere escursioni in solitaria.
Ed è proprio durante una di queste scampagnate in Kenya che Nomad ha cominciato a pensare a un dispositivo che permettesse di tenere a distanza la fauna locale in modo non letale. Così, in seguito a progettazione e sviluppo, la soldatessa ha messo a punto il suo gadget: il Lancia pugni d’aria. Si tratta di un accessorio per la sua arma che permette di piazzare trappole, utili a neutralizzare i nemici con onde d’urto. Nomad è il primo assalitore a presentare questa caratteristica; sarà interessante vedere come influirà sulle tattiche di gioco.

Dal lato della difesa abbiamo invece Kaid, un soldato di lungo corso della Gendarmeria Reale Marocchina. È divenuto l’ottavo comandante della Kasbah Sehkra Mania, una delle fortezze più prestigiose del Paese, grazie alle sue grandi capacità di leadership. In qualità di leader, gode di molto rispetto da parte dei soldati, e ha due ruoli fondamentali: da un lato, insegna ai nuovi arrivati ad essere autosufficienti e a combattere efficacemente; dall’altro, ha il compito, ovviamente, di proteggere la fortezza. A questo scopo, Kaid reca con sé un dispositivo tecnologico, nonostante il suo stile tradizionalista: si tratta dell’elettroartiglio “Rtila”, che gli permette di elettrificare a distanza botole, muri rinforzati, filo spinato e scudi mobili. Una funzione simile a quella di Bandit, dunque, ma con caratteristiche piuttosto diverse.

Cosa ne pensate di Operazione Wind Bastion? E dei nuovi operatori? Fatecelo sapere!

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

Facebook Comments

L'autore

Giacomo Franzoso

Nato nel '97, appassionato di videogiochi sin da piccino, da quando mio padre mi regalò un'avventura grafica punta e clicca su Robinson Crusoe per PC. Sono cresciuto a suon di videogiochi Disney (quelli che vendevano col Topolino) e gestionali, ma il mio primo amore videoludico rimarrà sempre la serie di Fallout. Ora studio Giurisprudenza, mentre cerco di allargare i miei orizzonti virtuali. Pretty simple, right?

Twitch!

Canale Offerte Telegram!