Dr Commodore
LIVE

La Bambola Assassina: Chucky sta tornando

Tempo di reboot per le grandi saghe dell’horror, la prossima ad essere coinvolta è La Bambola Assassina

La saga cult iniziata nel 1988, La Bambola Assassina, sta per avere il suo reboot. La produzione della pellicola è già iniziata e la MGM, per celebrare l’inizio delle riprese, ha diffuso in rete la prima immagine di Chucky.

Come si può notare il design è molto simile a quello originale. La pellicola sarà girata da Lars Klevberg e la sceneggiatura è firmata da David Katzenberg e Seth Grahame-Smith. Nel cast sono già stati confermati Aubrey Plaza la quale interpreterà la madre che regala a suo figlio Chucky. Il figlio sarà interpretato da Gabriel Bateman. Nel cast ci sarà anche Brian Tyree nei panni del detective che seguirà la scia di sangue lasciata da Chucky.

Il successo del brand La Bambola Assassina

La Bambola Assassina è nato nel 1988 per mano di Don Mancini. Il film fu subito un successo planetario, tanto che Don Mancini scrisse subito il secondo capitolo girato da John Lafia, che però non ebbe lo stesso successo del primo. Negli anni, però, i sequel sono continuati con più o meno successo. A ridare lustro e prestigio alla saga, è stato il film La Sposa di Chucky diretto da Ronny Yu e scritto sempre da Don Mancini. Lo stesso Mancini ha scritto anche i sequel successivi che però non hanno avuto troppa fortuna fino ad arrivare all’ultima pellicola che è Il Culto di Chucky. Negli anni, La Bambola Assassina, ha avuto diverse impronte che sono andate dall’horror più umoristico, dato anche la natura del killer, fino ad horror più classici e a tinte decisamente più macabre.

Commodoriani, voi siete in attesa di questo reboot? Fatecelo sapere nei commenti.

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

Articoli correlati

Alessandro Mezzolla

Alessandro Mezzolla

Alessandro Mezzolla è di San Pancrazio Salentino in provincia di Brindisi. Un genio. miliardario, playboy, filantropo non è sicuramente una descrizione calzante. Ha la passione per il cinema, la musica e le magliette macabre. Il suo motto è "Perchè anche oggi mi sono svegliato?"

Condividi