Dr Commodore
LIVE

Planet With: il creatore Satoshi Mizukami condivide il suo pensiero sui primi sette episodi

Il mangaka Satoshi Mizukami ha partecipato il 25 agosto ad un evento al Shinjuku LOFT/PLUS ONE per discutere dei primi 7 episodi della serie Planet With, che lui ha creato e scritto. Insieme a lui c’erano la seiyuu Mai Fuchigami (voce di Harumi Kumashiro e cantante della ending dell’anime), il seiyuu Kenji Nomura (voce di Takashi Ryuzouji), l’editore di Shonengahosha Takehiro Sumi e il produttore di Bandai Namco Atsushi Yukawa.

Nonostante Mizukami abbia deciso di non rivelare troppo quello che pensa sulla serie per non far scappare degli spoiler, ha commentato su certi aspetti della produzione.

ATTENZIONE SPOILER DEI PRIMI 7 EPISODI EPISODI DELLA SERIE

Sul design del nemico del primo episodio, Mizukami ha detto: “Ho fatto il mio meglio nel farli sembrare dei nemici amichevoli e non intimidatori come nemici“. Ha menzionato che ci sono un sacco di mani tese (le mani sono tutte sinistre) sotto il nemico, indicando che sta tentando di stringere le mani.

La scena dell’episodio 2 dove il protagonista Souya mangia un anman, un panino al vapore ripieno di una marmellata di fagioli (per poi realizzare che non è un nikuman, un panino al vapore ripieno di carne) ha ispirato un lungo commento. La Fuchigami ha rivelato che Atsushi Abe, la voce di Souya, ha insistito nel rifare la scena varie volte. La scena è anche una di quelle preferite di Mizukami. La scena è presente anche nella versione manga, dove Souya assume la stessa posizione da sconfitta.

La Fuchigami ha chiesto a Mizukami come sono stati scelti i colori delle armature fotoniche psicocinetice di Grand Paladin. Mizukami ha risposto che ha lasciato tutto quell’aspetto al designer di esse, Yasuyoshi Uetsu. La produzione dell’anime ha chiesto che il design dei mecha di Grand Paladin assomigliassero alle Dogu, statuine umanoidi e animali realizzate durante il periodo Joumon della preistoria giapponese. Mizukami ha inoltre rivelato che è stata l’idea del machine designer principale Yoshitsune Izuna quella di far diventare più forte la versione robot del sensei con delle medicine. Izuna voleva disegnare Sensei come un ninja o un samurai che è capace di avere dei powerups.


Sulla scena di  Harumi che va in bersek nel quarto episodio, Mizukami l’ha commentata dicendo che i suoi disegni dell’esoressione straziante della ragazza non potevano superare il dinamismo dell’anime. “In qualche modo, i miei disegni di lei finivano per apparire più carini”, ha detto.

Sul climax del sesto episodio, Mizukami ha detto “Volevo finire la sottotrama in un episodio. Mi chiedevo come avrei potuto farcela”. L’episodio è molto denso di nuovi sviluppi e contenuti. Il mangaka ha rimarcato il fatto che è stato molto impegnativo scriverlo ma anche molto divertente.

Secondo Mizukami, la SHiraishi-san introdotta nel settimo episodio appare come appare perché influenza le menti di coloro che le stavano attorno per apparire a loro in un certo modo. In altre parole, anche gli spettatori sono sotto la sua influenza.

Mizukami ha concluso il discorso dicendo che ha messo molte cose nella storia di Planet With e spera che i fan continuino ad apprezzarlo.


La serie, prodotta dallo studio J.C. Staff (High Score Girl, A Certain Magical Index), è iniziata lo scorso 8 luglio. Crunchyroll trasmette la serie in simulcast con sottotitoli in inglese (americano), spagnolo, francese, portoghese, arabo, italiano, olandese e russo. Satoshi Mizukami è meglio conosciuto per i manga Samidare – Lucifer and Biscuit Hammer, Creature Arcane e Spirit Circle, tutti e tre pubblicati in Italia da Flashbook. L’autore sta inoltre disegnando la versione manga di Planet With. Il manga è attualmente serializzato sulla rivista Young King Ours.

Fonte: 1.

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscordSteam e Twitch.

Articoli correlati

Yoel Carlos Schincaglia

Yoel Carlos Schincaglia

Nato il 14 febbraio 1997. Mi piacciono molto gli anime e credo nella canzone che ho nel cuore.

Condividi