fbpx
Breaking News News Videogames

Riot Games accusata di sessismo nei confronti degli uomini

Riot Games

Riot Games nuovamente al centro di polemiche

Al PAX West Riot Games ha tenuto un panel dedicato a diversi temi, ma riservato alle donne e alle persone di genere non binario. L’iniziativa è lodevole, ma l’esecuzione è tutto meno che buona. Riot ha infatti escluso gli uomini dal panel, i quali hanno accusato di sessismo la software house.

I temi trattati sono molto interessanti, e spaziano dal design dei champions, sino al game design e al cosplay. Tematiche che non escludono nessuno spettro di genere, ma gli uomini sono stati categoricamente esclusi. A questo punto, molti fan hanno iniziato a protestare sui social e un impiegato di Riot Games, per rispondere alle accuse, ha pubblicato un tweet dove dice che la protesta non ha senso, poiché: “il sessismo contro gli uomini” non ha senso come concetto perché gli uomini sono privilegiati in ogni modo”.

Tuttavia, non tutti i dipendenti sono stati così aggressivi presentando argomentazioni campate per aria. Difatti, la Color Caster di LPL ha cercato di placare gli animi spiegando che, molte volte, donne e persone di genere non binario hanno bisogno di spazi dedicati per esprimersi e sentirsi a proprio agio.

Le accuse e gli attacchi non provengono esclusivamente da uomini, ma anche dalle persone alle quali era dedicato il panel. È infatti intervenuta una ragazza trans, che ha evidenziato come questa manovra può mettere in cattiva luce le persone di genere non binario. In particolare, viene detto come queste persone siano come tutte le altre, e quindi non hanno bisogno di essere privilegiate o difese in alcun modo.

Una situazione controversa, che vede Riot Games nuovamente al centro di polemiche legate al sessismo. Cosa pensate di questa situazione? Fatecelo sapere!

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord, Steam e Twitch.

 

Facebook Comments

Simone Mascia

Incantato sin da bambino dall'Arte Videoludica, oggi studia Scienze della Comunicazione e scrive analizzando l'industria. Il suo obiettivo è migliorarsi ogni giorno per offrire un'informazione chiara e concisa, sperando che il suo forte sentimento per questa arte venga recepito da tutti.