fbpx
Film/Serie Tv News

Avengers: Infinity War – I registi parlano del futuro di Teschio Rosso

Teschio Rosso

Joe e Anthony Russo parlano del futuro di Teschio Rosso

Uno dei ritorno più inaspettati all’interno del Marvel Cinematic Universe è stato sicuramente quello di Teschio Rosso. La testa dell’HYDRA è apparsa originariamente nella Fase 1 del MCU, in Captain America – Il primo Vendicatore, ma da allora non si erano più avute sue notizie.

Fino all’uscita di Infinity War. Tutti i fan Marvel si sono stupiti di rivedere il villain su Vormir, a fare da custode alla Gemma dell’Anima. In questa nuova incarnazione, Teschio Rosso non è stato interpretato come in passato da Hugo Weaving, bensì da Ross Marquand.

Johann Schmidt è apparso davanti a Thanos, spiegandogli come impossessarsi della tanto ambita gemma. Ma è stato solo un cameo o ci sono possibilità concrete di rivederlo all’interno dell’universo cinematografico?

I due registi sono stati interpellati a riguardo da un fan durante una sessione Q&A su Twitter e la loro risposta non si è fatta attendere.

Teschio Rosso ora è libero di lasciare Vormir, ed è anche libero di perseguire il suo desiderio di possedere una Gemma dell’Infinito.

Non solo i due registi hanno confermato che adesso Teschio Rosso è libero dalla maledizione che lo teneva ancorato a Vormir, ma hanno anche implicitamente ammesso che il gerarca nazista è sopravvissuto allo schiocco di Thanos.

Insomma, si sono aperte infinite possibilità per un personaggio che credevamo morto e sepolto e che invece è stato ancora in grado di stupirci. In fondo ormai dovremmo saperlo che “It’s all connected”.

Vorreste rivedere Teschio Rosso all’interno del MCU? In che vesti? Ditecelo nei commenti!

Facebook Comments

Gabriele Pati

Cresciuto con libri di cibernetica, insalate di matematica e una massiccia dose di cinema e tv, nel tempo libero studia ingegneria, pratica sport e cerca nuovi modi per conquistare il mondo.

Vanta il poco invidiabile record di essere stato uno dei primi con un account Netflix attivo alla mezzanotte del 22 ottobre 2015.