fbpx
News Tech Videogames

Server Ubisoft abbattuti con attacchi DDoS

Ieei, 17 luglio, il colosso dei videogiochi Ubisoft ha subito un massiccio attacco DDoS (Distributed Denial of Service). Le conseguenze si sono riversate sui server di diversi giochi, come ad esempio Ghost Recon Wildlands, For Honor e Far Cry 5, con problemi di connettività.

L’azienda ha spiegato con un tweet che il problema non è stato ancora del tutto risolto e che i tecnici stanno lavorando per ripristinare il servizio il prima possibile.

“Stiamo costantemente monitorando la portata degli attacchi che hanno colpito i servizi di Ubisoft e hanno creato problemi di connessione ai giocatori. Gli attacchi sono focalizzati sulle connessioni e sulla latenza dei server, su cui stiamo lavorando. Grazie per la pazienza”.

Ecco come esempio la schermata di errore relativa al gioco For Honor:

Come funzionano gli attacchi DDoS

Un attacco DDoS viene attuato inviando un elevato numero di richieste a un server per una o più risorse, in contemporanea. Non essendo in grado di gestire una mole di richieste così elevata, il server va offline. In questo modo si creano grossi disagi in quanto non sarà possibile per un normale utente accedere a determinate risorse finchè il server non viene riavviato e messo in sicurezza.

Gli attacchi DDoS non mettono comunque a rischio i dati dei singoli utenti. Per poter sottrarre determinate informazioni, un hacker dovrà sempre essere in grado di effettuare l’exploit di una vulnerabilità per prendere il controllo del dispositivo.

I provvedimenti

Attualmente il responsabile non è ancora stato identificato e non si è neanche a conoscenza del movente. Non si tratta comunque di un caso isolato: anche la Blizzard ha subito un attacco DDoS la scorsa settimana, registrando interruzioni sui server di Overwatch, Heroes of the Storm e WoW.

Per quanto riguarda Ubisoft, il problema sembrerebbe risolto anche se non sono state rilasciate comunicazioni ufficiali da parte della azienda.

Questo episodio sottolinea ancora una volta come il problema dei DDoS sia estremamente sottovalutato. In Italia la maggioranza delle aziende non possiede alcun tipo di software in contrasto a questo genere di attacchi. Le conseguenze di un attacco DDoS vanno ben oltre al fastidio arrecato; su aziende di grosse dimensioni può tramutarsi in un danno economico non indifferente.

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord e Twitch.

Facebook Comments

Michele Carillo

Ho studiato programmazione per 5 anni, ma la passione per il mondo informatico è nata dopo il primo "tour" sul deep web. In quel momento ho capito l'importanza della sicurezza e ho iniziato a studiare cybersecurity dalla base. Attualmente lavoro come amministratore di rete e impiegato contabile in una piccola azienda di Milano.