fbpx
News Videogames

Lara Croft sarà sanguinolenta e scurrile in Shadow of The Tomb Raider, parola di ESRB

Shadow of the Tomb Raider

Botte da orbi, imprecazioni e curve

Nonostante Shadow of The Tomb Raider non sarà disponibile fino a Novembre, alcune agenzie di classificazione hanno già compiuto il lavoro lavoro. Nello specifico, Entertainment Software Rating Board (ESRB) ha reso pubblica la sua catalogazione, la quale rivela anche delle informazioni interessanti sul gioco di Eidos Montreal e Square Enix. Vediamo che ESRB mette in guardia riguardo contenuti maturi, dei quali abbiamo anche qualche dettaglio. Si parla di linguaggio forte, violenza intensa, molto sangue e “gore”. Inoltre, è stata rivelata la presenza di acquisti in gioco su tutte le piattaforma di rilascio, ovvero Xbox One, PlayStation 4 e PC.

Shadow of the tomb raider

Di seguito riportiamo il comunicato originale di ESRB, col suo riassunto della classificazione:

“Questo è un gioco d’azione in cui i giocatori assumono il ruolo dell’archeologa Lara Croft, nel suo tentativo di fermare un misterioso gruppo chiamato “Trinity”. Da una visuale in terza persona, i giocatori possono esplorare giungle e tombe, risolvere enigmi e ingaggiare figure nemiche e animali in combattimento. I giocatori usano armi da fuoco (ad esempio pistole, fucili a pompa e mitragliatori), frecce e un piccone da ghiaccio per attaccare e uccidere nemici. Il combattimento è evidenziato da urla di dolore, sparatorie realistiche ed esplosioni.

Alcune aree permettono a Lara di adottare approcci silenziosi per muoversi dietro i nemici, prima di accoltellarli al petto o alla testa. I giocatori devono evitare trappole e trabocchetti quando stanno combattendo in modo ravvicinato o esplorando le tombe. Quando Lara fallisce nell’eludere questi pericoli, vengono mostrate al giocatore delle clip che vedono Lara impalata su spuntoni, trafitta da lance o dilaniata dagli animali. L’azione è spesso accompagnata da effetti di sangue realistici, e alcune aree contengono corpi mutilati su altari sacrificali, appesi in delle celle o accatastati nelle grotte. Le parole “c***o”, “m***a” e “s*****o” si presentano nei dialoghi”

Versione originale

“This is an action game in which players assume the role of archaeologist Lara Croft as she attempts to stop a mysterious group known as Trinity. From a third-person perspective, players can explore jungles and tombs, solve puzzles, and engage in combat with enemy figures and animals. Players use firearms (e.g., pistols, shotguns, machine guns), arrows, and an ice pick/axe to attack and kill enemies. Combat is highlighted by screams of pain, realistic gunfire, and explosions.

Some areas allow Lara to use stealth to sneak up behind her enemies before stabbing them in the head or chest. Players must avoid traps/hazards when grappling and exploring tombs; when Lara fails to avoid these dangers, players are shown brief cutscenes of Lara being impaled on spikes, stabbed with spears, or mauled by animals. Action is frequently accompanied by realistic blood effects, and some areas contain mutilated corpses on sacrificial altars, hanging from the ceiling, or piled in a cave. The words “f**k,” “sh*t,” and “a*shole” appear in the dialogue.”

Shadow of The Tomb Raider

Più matura, violenta e disillusa

Si evince dunque che Shadow of The Tomb Raider sarà nel complesso più maturo rispetto ai capitoli precedenti della trilogia “reboot”. In Tomb Raider abbiamo visto una Lara spaesata e impaurita, e in Rise of The Tomb Raider una giovane donna dalla rinnovata sicurezza. In Shadow of The Tomb Raider ci troveremo davanti una Lara Croft ormai temprata e disinibita davanti alla violenza. Noi non vediamo l’ora di mettere le mani sul gioco, al fine di realizzare la nostra recensione. Voi, che impressione avete di Shadow of The Tomb Raider? Vi invitiamo a recuperare il lungo gameplay mostrato all’E3 2018!

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscord e Twitch.

Facebook Comments

Samuele Sanesi

Giocatore da sempre, Game Designer come stile di vita. Caporedattore nel tempo libero (a volte anche in quello occupato). Mangio salutare e bevo tanta acqua, perché i videogiochi tra settanta anni non si giocheranno da soli. Ho predilezione per ogni forma di intrattenimento ludico. Amo la mia città, le tradizioni Italiane e la mia famiglia. Uno dei miei hobby è la critica del Tiramisù. Ho visto navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione.