fbpx
News Videogames

Code Vein rinviato a un generico 2019: “vogliamo rifinirlo”

Un nuovo slittamento per Code Vein

Per il nuovo souls-like di casa Bandai Namco, dovremo aspettare ancora fino al prossimo anno. La data d’uscita di Code Vein, dapprima prefissata per Settembre di quest’anno, è stata spostata per migliorare il gioco a seguito dei feedback dei giocatori. A comunicarci ciò è stato il vice presidente della sezione marketing di Bandai Namco, Herve Hoerdt, che continua dicendo: “Essendo consapevoli della qualità già raggiunta dal titolo al momento della creazione delle demo, abbiamo voluto posticipare la data d’uscita in modo da rifinirlo ancor di più e ascoltare il feedback datoci dagli utenti”. Questo rinvio implica anche che al Gamescom 2018 non potremo metter mano su alcuna nuova demo del gioco.

Code Vein

Nonostante il rinvio, possiamo supporre che le edizioni da collezione non abbiano subito variazioni. La Collector’s Edition include il gioco base e una figure esclusiva di Mia Karnstein, uno dei protagonisti del gioco. Alta 17cm, la figurine di Mia impressionerà per via del suo Bloody Veil. Questa edizione include anche contenuti digitali come la colonna sonora originale, un artbook e un set di personalizzazione in-game per tutti i personaggi.

In aggiunta, chi prenoterà il gioco (presso i negozi aderenti all’iniziativa) sarà ricompensato con 3 armi legate al franchise di God Eater. Avranno anche accesso allo speciale velo di sangue “Venous Claw” che compensa il suo corto raggio con potentissime abilità. Infine, potranno anche mettere le proprie mani su un set di accessori che include degli stamp per il multiplayer, elementi per la personalizzazione e “Harbinger”, un codice che offre caratteristiche speciali al suo possessore.

Code Vein

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su FacebookInstagramTelegramYouTubeDiscord e Twitch.

 

Facebook Comments

Corrado Papucci

Fruitore del mondo videoludico sin dalla nascita, il mio viaggio inizia partendo dalla versione freeware di Wolfenstein 3D e di Lemmings, passando per le mitiche PS2 e PS3 e le loro svariate perle , e termina ritornando ai cari e vecchi dispositivi dotati di mouse e tastiera.
Un gran bel viaggio che spero possa continuare anche verso nuove direzioni e piattaforme. Possibilmente anche economicamente raggiungibili.