Dr Commodore
LIVE

Abolizione Net Neutrality non passa al Senato

Con una votazione di 52 favorevoli e 47 contrari, i democratici rallentano l’abolizione della neutralità della rete

I democratici sono riusciti a bloccare le norme che di fatto introdurrebbero delle disparità per la navigazione su internet. Infatti, grazie al voto di 2 repubblicani e all’assenza del senatore John McCain, le norme proposte da Ajit Pai, presidente della FCC, sono state riggettate dal SenatoÈ improbabile però che la norma anti net neutrality venga fermata anche alla Camera.

Il provvedimento sulla net neutrality era stato introdotto nella precedente amministrazione Obama. Quest’ultimo, tra l’altro, inserì Pai all’interno della commissione FCC, della quale è ora a capo grazie all’attuale presidente Donald Trump.

Ricordiamo che le norme introdotte dalla Federal Communication Commission porterebbero a una disuguaglianza nei servizi su internet, in termini di contenuti e di qualità. Gli ISP (Internet Service Provider) avranno infatti la facoltà di instradare il traffico nel modo che ritengono più opportuno. Si era parlato addirittura di introdurre piani tariffari che permettessero l’accesso a determinati siti o servizi. Attualmente, invece, i contenuti fruibili su internet non sono distinti l’uno dall’altro a livello di trasmissione, e chiunque può – e, secondo le leggi Obama, deveavere accesso alle risorse in egual misura.

Motivazioni

Il motivo per cui i repubblicani spingono sull’abolizione della net neutrality è che credono che i maggiori introiti possano essere sfruttati per potenziare le infrastrutture. A detta di altri invece le nuove regole non farebbero altro che arricchire gli azionisti delle telco.

Tuttavia ciò su cui puntano i democratici è sensibilizzare i più giovani, di certo più vicini al tema rispetto ai più anziani. In particolare l’obbiettivo sono le elezioni di metà mandato che si terranno a novembre di quest’anno.

Pur non essendoci alte probabilità che le norme vengano fermate anche alla Camera, vi terremo aggiornati sugli sviluppi.

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord e Twitch.

Articoli correlati

Dr Commodore

Dr Commodore

Sono Dr Commodore, servono altre presentazioni?

Condividi