Film/Serie Tv News

The House That Jack Built: il ritorno di Lars Von Trier scandalizza Cannes

Dopo quattro anni Lars Von Trier ritorna nelle sale col suo nuovo film, The House That Jack Built, facendo letteralmente scappare il pubblico alla prima a Cannes.

Che i film di Lars Von Trier siano per stomaci forti è risaputo. Le opere del regista danese (famoso sopratutto per Nimphomaniac Antichrist) sono sempre state pervase da un peculiare gusto per il malato e tutto ciò che è borderlineMa sembra che, con questo nuovo film intitolato The House That Jack Builtquesta volta si sia ampiamente superato.

All’anteprima del suo nuovo lavorotenutasi in occasione del 71esimo Festival di Cannes, infatti, all’incirca un centinaio di spettatori hanno lasciato la sala per protesta mentre molti altri pare siano usciti, in preda al disgusto, prima della fine del film.

Insomma, nonostante le ripetute avvertenze che erano state fatte riguardo al  film (addirittura sul biglietto era stata riportata la dicitura “scènes violentes”  come avvertenza per l’eventuale pubblico) il film, con protagonista Matt Dillon (nominato agli Oscar per Crash), ha messo a dura prova gli spettatori che non si sono fatti attendere esprimendo il loro dissenso tramite Twitter.

Il cast della pellicola, oltre al già citato Matt Dillon, vanta nomi di spicco come Uma ThumrmanRiley Keough.

Qui di seguito, invece, potete trovare il trailer (NOTA: pur essendo solo un trailer di circa tre minuti contiene alcune scene particolarmente forti quindi sconsigliamo la visione se siete particolarmente impressionabili)

In Italia il film sarà distribuito in autunno da VIDEA, non si hanno ancora date certe.

Voi cosa ne pensate? Il film vi intriga? Siete interessati? Oppure il contrario? Come sempre diteci la vostra nei commenti!

Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord e Twitch.

Facebook Comments

Samuele Malloci

Cinefilo, videogiocatore, lettore incallito, amante della musica e della fotografia. A sei anni vidi Matrix e quel giorno capii, in modo abbastanza brutale, che i buoni non sempre sopravvivono, quindi decisi che scrivere storie sarebbe stata la mia strada. Avete letto bene e se vi sembra strano... vi ho mai detto la definizione di follia?