Dr Commodore
LIVE

Final Fantasy VII Remake, dovremo aspettare fino al 2023?

Possibili brutte notizie per i fan di Final Fantasy VII

Stando ad una traduzione di una intervista al trio che è dietro al progetto, effettuata da un utente del forum LifeStream, potremmo dover aspettare ancora un bel po’ per il Remake di Final Fantasy VII, visto che la data di lancio potrebbe addirittura coincidere con il 35° anniversario della serie. Per l’esattezza, nel 2022 in Giappone e nel 2023 nel nord america.

Infatti, come possiamo leggere nel terzo edit del post, si ribadisce come la produzione stia procedendo molto lentamente, di come la produzione sia passata interamente “In-house” e come il progetto sia stato stravolto rispetto a quello che abbiamo visto nel trailer di 3 anni fa.
Il trio composto da HamaguchiNomuraKitase si scusa ma garantisce un nuovo trailer footage quando l’opera sarà nuovamente giunta ad un livello di qualità soddisfacente.

Il post continua dicendo come il gruppo stia lavorando duramente al titolo e di come parte di esso lavori fino a notte tarda. Particolare attenzione va posta su come il titolo potrebbe coincidere proprio con la data del 35° anniversario della saga. L’utente, però, sottolinea come questa frase sia stato detto in modo molto scherzoso e la risposta di Hamaguchi “That’s a long way off!” lo evidenzia maggiormente.

Non sappiamo, sfortunatamente, se il trio parli di tale data per un’uscita completa, quindi di tutti i capitoli, o solamente del primo.

Fatecelo sapere e ricordatevi! Per rimanere informati sul mondo nerd, continuate a seguirci sul nostro sito DrCommodore.it e su Facebook, Instagram, Telegram, YouTube, Discord e Twitch.

Articoli correlati

Corrado Papucci

Corrado Papucci

Fruitore del mondo videoludico sin dalla nascita, il mio viaggio inizia partendo dalla versione freeware di Wolfenstein 3D e di Lemmings, passando per le mitiche PS2 e PS3 e le loro svariate perle , e termina ritornando ai cari e vecchi dispositivi dotati di mouse e tastiera. Un gran bel viaggio che spero possa continuare anche verso nuove direzioni e piattaforme. Possibilmente anche economicamente raggiungibili.

Condividi