fbpx
News Smartphone Videogames

PUBG Corp contro i cloni, la cosa si fa seria

PUBG corp prende posizione contro i ‘cloni’

PUBG Corp, proprietaria e sviluppatrice del popolare Battle Royale PlayerUnknown’s Battlegrounds, ha citato in causa l’editore cinese NetEase, sostenendo che abbia violato il copyright producendo due giochi per dispositivi mobili sorprendentemente simili a PUBG.

Come riportato da Ars Technica, la causa è stata depositata nel tribunale distrettuale degli Stati Uniti della California settentrionale e si riferisce in particolare ai giochi per dispositivi mobili Rules of Survival e Knives Out (arrivati su iOS prima del porting mobile di PUBG). Entrambi presentano battaglie online da 100 persone su un’isola con una “zona sicura” restringente, una varietà di veicoli che attraversano le isole e armi e armature. PUBG Corp vuole un risarcimento da parte di NetEase, così come la rimozione dei giochi dagli store online.

PUBG Corp ha originariamente presentato un reclamo ad Apple il 24 gennaio, in seguito all’arrivo dei giochi su App Store; questo è stato inoltrato a NetEase che ha risposto il 31 gennaio negando qualsiasi violazione del copyright e spingendo PUBG Corp a intraprendere azioni legali.

“Un lavoro audiovisivo protetto da copyright, individualmente e/o in combinazione con altri elementi di Battlegrounds”. Essenzialmente non ci sono alcune somiglianze tra i giochi, ma una combinazione di somiglianze che conferiscono ai videogiochi di NetEase una somiglianza troppo marcata a PUBG. Ad accompagnare le accuse sono stati allegati degli screenshot che riportano le violazioni del copyright.

PUBG
A sostegno della causa, PUBG Corp elenca un totale di 25 aspetti del gioco che ritiene essere protetti da copyright, alcuni dei quali sono specifici di PUBG (ad esempio, la zona di sicurezza restringente o i 100 giocatori che arrivano con il paracadute all’apertura di ogni sessione) mentre altri sono più generali (lobby pre-partita, danni aggiuntivi dipendenti dalle parti del corpo colpite). Sostenendo che è la combinazione di questi elementi a violare il copyright, PUBG Corp spera di dimostrare che l’intento di NetEase era quello di creare un gioco che copiasse il suo. Anche i “riferimenti celebrativi al pollo” fanno menzione, riferendosi al popolare messaggio “winner winner chicken dinner” all’interno di PUBG e al suo utilizzo in meme e social media.
Cosa aspettate? Continuate a seguirci su drcommodore.it, e non dimenticatevi di passare nel nostro canale Telegram ufficiale o su Discord per parlare con noi. Naturalmente non perdetevi i nostri video su YouTube!
Facebook Comments

Simone Mascia

Incantato sin da bambino dall'Arte Videoludica, oggi studia Scienze della Comunicazione e scrive analizzando l'industria. Il suo obiettivo è migliorarsi ogni giorno per offrire un'informazione chiara e concisa, sperando che il suo forte sentimento per questa arte venga recepito da tutti.