fbpx
Videogames

Donald Trump vs IGDA, battaglia sulla libertà d’espressione degli sviluppatori

US President Donald Trump delivers the State of the Union address in the chamber of the US House of Representatives in Washington, DC, on January 30, 2018. / AFP PHOTO / POOL / Win McNamee (Photo credit should read WIN MCNAMEE/AFP/Getty Images)

Donald Trump continua a far parlare di sé

Nella giornata di domani ci sarà un meeting tra Donald Trump e l’IGDA (Internetional Game Developers Association)  per discutere della violenza nei videogiochi e cercare di preservare la libertà d’espressione degli sviluppatori.

Sono stati convocati volti importanti dell’industria videoludica, come il CEO di ZeniMax (proprietaria di Bethesda) Robert Altman, l’amministratore delegato di Take Two Interactive (proprietaria di Rockstar and 2K) Strauss Zelnick e Michael Gallagher, leader dell’Entertainment Software Association.

Il meeting è stato organizzato in seguito della strage avvenuta il Florida e sulle sue cause. Il presidente degli Stati Uniti si è focalizzato principalmente sui videogiochi. Il parallelismo videogiochi-violenza non è nuovo per Trump, infatti il 22 febbraio il presidente disse: “[…]Sto sentendo sempre più persone dire che il livello di violenza nei videogiochi sta plasmando le menti dei più giovani. […]”.
L’IGDA ha rilasciato alcuni tweet che vanno a contrastare le parole di Donal Trump, esplicando che la Corte Costituzionale è dalla loro parte.

Gli esponenti difenderanno l’industria videoludica ad ogni costo, e i videogiocatori di tutti il mondo daranno il loro supporto.

 

Continuate a seguirci su drcommodore.it, e non dimenticatevi di passare nel nostro canale Telegram ufficiale o su Discord per parlare con noi. Naturalmente non perdetevi i i nostri video su YouTube!

 

 

 

Facebook Comments

Simone Mascia

Incantato sin da bambino dall'Arte Videoludica, oggi studia Scienze della Comunicazione e scrive analizzando l'industria. Il suo obiettivo è migliorarsi ogni giorno per offrire un'informazione chiara e concisa, sperando che il suo forte sentimento per questa arte venga recepito da tutti.