fbpx
Recensioni Smartphone Tech

Recensione Nokia 8, top di gamma con riguardo

Cari lettori, commodoriani e non, oggi parliamo di Nokia 8: il top di gamma della rinata azienda finlandese che monta un hardware di tutto rispetto. Ma sarà competitivo con gli altri top? Scopriamolo nella recensione!

Scheda tecnica

Il Nokia 8 ha un processore Qualcomm Snapdragon 835, il top per il momento in cui è uscito, 4GB di RAM e  64GB di memoria  interna espandibile con MicroSD fino a 256GB.
E’ inoltre dotato di un bellissimo display LCD IPS in QHD e doppia fotocamera posteriore con lenti Zeiss.
Conclude i punti salienti della scheda tecnica una batteria da 3090 mAh!

Design, materiali ed ergonomia

Lato design riprendiamo lievemente ciò che erano i Lumia: un profilo un po’ squadrato con angoli lievemente stondati e una back cover bombata. Back cover in alluminio, lucida in questa colorazione rame che onestamente mi piace davvero molto. Sul posteriore troviamo la doppia fotocamera con lenti Zeiss, l’autofocus laser e il doppio flash led.
Il frame è classico con pulsanteria e ingressi del caso, e la parte frontale ha uno schermo da 5,3″ con capsula auricolare, cam frontale e tasti soft touch retroilluminati (di cui uno incavato nel display che fa anche da sensore d’impronte, rapido ma non precisissimo). Non c’è il led di notifica ma è presente Glance, una sorta di ambient display di cui parliamo più tardi.
Il design non è la cosa più innovativa del mondo ma convince, specialmente in questa colorazione. Il telefono si tiene molto bene con una mano ed è comodo da usare.

Software ed esperienza d’uso

Il software è Android purissimo, nella sua versione 8.0 (Oreo). Nokia ha aggiornato il suo top di gamma con l’ultima versione del sistema operativo del robottino verde e sono state aggiunte tutte le funzioni del caso: picture-in-picture (ovvero la possibilità di utilizzare un’app in formato “riquadrino” mentre si fa altro), gestione delle notifiche con possibilità di rimandarle di un tempo che noi decidiamo, alcune rivisitazioni grafiche, i notification dots e quant altro. Nessuna app preinstallata, nessuna “inutility”: solo un sistema Android PURO, un software completo, fluido e soprattutto STABILE. Oreo da una sensazione di stabilità senza pari, che Nougat non riusciva a darmi a causa di qualche piccolo riavvio accidentale di app o simili.

Mai successo niente del genere con la versione 8. Il telefono è sempre reattivo anche se a volte scaldicchia. L’unica cosa che ho notato è che rispetto ad altri smartphone con Snapdragon 835 il sistema risulta un po’ gommosino e meno reattivo. Non è per le animazioni di Android Stock perché sono comunque un po’ più lente dello standard, ma proprio a livello di reattività e velocità di apertura delle app è paragonabile a uno Snapdragon 625 ben ottimizzato (tipo Xiaomi MI A1 di cui vi parlerò tra qualche giorno).

Il display è un altro punto forte: un LCD IPS con risoluzione QHD. I colori sono vividi e lo schermo è definitissimo, una riproduzione molto fedele di ciò che è la realtà nelle fotografie e una luminosità davvero altissima. L’unica pecca sono i neri, che tendono un po’ al grigino se messo di taglio, ma visto che è un IPS..
Anche gli angoli di visuale sono ottimi e l’oleofobicità del display è molto molto buona.
Lato audio parlerò di due aspetti: riproduzione e registrazione.
La riproduzione audio è buona con un altoparlante potente e di buona qualità, unito al display QHD crea un’esperienza multimediale molto bella. Anche in cuffia l’audio è davvero ottimo e in capsula si sente forte e chiaro.
Lato registrazione abbiamo una delle peculiarità del dispositivo: Nokia 8 infatti è dotato di 4 microfoni che registrano l’audio a 360°, con una qualità mai vista prima su uno smartphone. L’audio registrato è totalmente immersivo e pulito, sembra di essere dove il video (o la registrazione) sono state fatte se ci si mette in cuffia. Davvero strabiliante.
La ricezione è sopra la media: supera l’ascensore bunker e il passaggio da wifi (dualband) a cella è molto veloce.

Fotocamera

La principale, una 13 MP f/2.0 con stabilizzatore ottico e lenti ZEISS è accompagnata da un secondo sensore b/n che lavora insieme alla prima per avere scatti con soggetti lievemente più luminosi e garantire un effetto bokeh niente male. Il software è ben fatto e consente di scattare foto sia con una lente sia con due contemporaneamente. Un’altra peculiarità è quella di poter fare foto e video con la fotocamera posteriore + anteriore nello stesso momento. La frontale è una 13 MP che regala degli scatti niente male.

L’HDR automatico funziona bene, ha solo il piccolo difetto di essere fin troppo presente ogni tanto. I video, oltre a essere abbastanza buoni e stabilizzati possono essere registrati con i due microfoni frontali o con i due posteriori, oppure con tutti e 4 insieme garantendo una qualità audio davvero ottima

Batteria

La batteria è da 3090 mAh che mi ha consentito di arrivare a fine giornata senza troppi problemi con circa 5h di schermo acceso in uso stress. Arriviamo anche a 6 con un utilizzo più blando. Diciamo che è promossa con riguardo, perché ogni tanto ho notato delle oscillazioni che non mi hanno convinto.

Considerazioni finali

Nokia 8 è un ottimo dispositivo, al prezzo a cui viene venduto (circa 460 euro) è un ottimo candidato ad essere uno dei migliori sulla piazza. Il prezzo al lancio (600 euro) era comunque accattivante per un top di gamma, ma lo allineava ad altri prodotti un po’ più performanti usciti già da mesi a un prezzo più alto. Comunque Nokia 8 si distingue dalla massa per il sistema stockissimo e un prezzo decisamente contenuto per l’hardware che monta.

Facebook Comments

Nokia 8

450,00€ circa
7.8

Design e Materiali

7.7/10

Esperienza d'uso

7.5/10

Multimedialità

8.1/10

Fotocamera

8.0/10

Qualità/prezzo

7.5/10

Pros

  • Display QHD
  • Android Stock e aggiornamenti costanti
  • Ottima fotocamera
  • Registrazione audio a 360°

Cons

  • Software da ottimizzare meglio
  • A volte sembra meno reattivo

Federico Basanese

23 anni, Milano. Programmatore di giorno, appassionato di tecnologia di notte. Prediligo il mondo degli smartphone, trovandoli ormai un'estensone del corpo e non più dei semplici strumenti. Mi emozionano tantissimo l'IoT e il sushi.