fbpx
Nintendo Pc Ps4 Recensione Recensioni Videogames Xbox One

Lego Marvel Super Heroes 2: Tanti eroi, poca sostanza

Ecco la nostra recensione di Lego Marvel Superheroes 2!

A cura di Carlo D’Alise

Circa quattro anni fa TT Games e Warner Bros pubblicavano Lego Marvel Super Heroes, titolo d’esordio del mondo LEGO sulla nuova generazione di console. Il gioco all’epoca riscosse un grandissimo successo grazie ad una trama molto gradevole, un gameplay parzialmente rinnovato rispetto al passato – con elementi free roaming in un contesto open world – e soprattutto grazie ad un umorismo di ottima qualità.
Quattro anni dopo TT Games prova a bissare il plebiscito di consensi ottenuto col primo capitolo pubblicando Lego Marvel Super Heroes 2, disponibile dal 14 Novembre su Playstation 4, PC ed Xbox One – in arrivo anche in versione Nintendo Switch.
Ci sarà riuscita? Scopritelo nella nostra recensione!

Kang Conquistatutti

Ecco a voi Kang il Conquistatore!

Lego Marvel Super Heroes 2 vede i nostri eroi combattere Kang il Conquistatore, villain noto ai fan della Casa delle Idee, che grazie ai suoi poteri ha trasformato Manhattan in Chronopolis, una città con al suo interno svariati portali che la collegano con alcuni dei luoghi più famosi di casa Marvel, come ad esempio K’Un Lun, il Wakanda e Asgard. Sarà dunque compito dei tanti superheroes disponibili portare le cose alla normalità, grazie a dei cristalli temporali provenienti da Knowhere ed agli sconfinati poteri di Dr. Strange.

Avengers, assemble!

Nonostante un incipit davvero furbo e ben riuscito e le interessanti premesse, la storyline di Lego Marvel Super Heroes 2 stenta a decollare, rendendo il vostro viaggio all’interno delle 20 missioni che compongono la campagna molto poco memorabile. Nel corso degli anni abbiamo purtroppo notato come TT Games si senta molto più a suo agio nel lavorare su parodie di storie già note – vedesi l’ottimo Lego Star Wars: Il Risveglio della Forza – piuttosto che creare storyline originali, e questo Lego Marvel Super Heroes 2 non fa eccezione a quella che ormai è diventata la regola.

Neanche l’umorismo tipico dei titoli dedicati ai mattoncini colorati è più quello di una volta. A conferma del trend negativo cominciato con Lego Marvel’s Avengers, infatti, le vicende dei nostri eroi ci hanno strappato davvero pochi sorrisi. Una vera e propria occasione mancata insomma, poichè lo sconfinato roster di personaggi giocabili avrebbe permesso la creazione di situazioni molto più divertenti e memorabili.

Mattoncini ancorati al passato

Hela, figlia di Odino

Il gameplay di Lego Marvel Super Heroes 2 è sostanzialmente identico ai precedenti titoli dedicati ai LEGO. Sono come sempre presenti enigmi ambientali, combattimenti contro enormi boss di fine livello, collezionabili da raccogliere, mattoncini da recuperare e riutilizzare, e chi più ne ha più ne metta. Purtroppo queste meccaniche, diventate ormai una costante di tutti i titoli TT Games, sono macchiate da una certa ripetitività e creano al gioco non pochi problemi di ritmo. Spesso infatti basterà semplicemente colpire tutti gli oggetti presenti su schermo e ricostruirli sotto una diversa forma per proseguire nell’avventura o per sconfiggere il villain di turno. Da rivedere anche il sistema di combattimento, a nostro parere troppo impreciso sia nei controlli che nelle collisioni.

Ammirate Spiderman Noir!

Passando al level design invece, Lego Marvel Super Heroes 2 offre una gran quantità di luoghi esplorabili, tutti molto ben curati graficamente ed ispirati artisticamente – su tutti la New York Noir. Discorso diverso invece è quello riguardante Chronopolis, l’hub centrale del gioco: graficamente sottotono, artisticamente poco valida, e con pochissime cose da fare oltre al seguire la scia di mattoncini celesti che ci porterà alla prossima missione. Come ho già detto in precedenza, il roster dei personaggi giocabili è il più grande mai visto in un gioco Lego.

Benvenuti a Chronopolis!

Tutti gli eroi giocabili (più di 200) sono realizzati egregiamente e caratterizzati in maniera più o meno buona. Abbiamo infatti notato come TT Games abbia regalato, prevedibilmente, una particolare attenzione ai supereroi cinematograficamente più in voga del momento (i Guardiani della Galassia, Hulk, Spiderman) trascurando quelli considerati più di nicchia poichè non (ancora) sdoganati dal grande schermo. Da segnalare la presenza di un editor per creare il proprio alter ego personalizzato, da utilizzare in modalità gioco libero: feature che farà sicuramente la felicità dei più piccoli.

Supereroi Scintillanti

Analizzando il comparto tecnico invece non abbiamo trovato grandissime sbavature, anzi. Lego Marvel Super Heroes 2 mette in mostra una veste particolarmente riuscita – tralasciando le eccezioni sopracitate – sia per quanto riguarda i personaggi giocabili, sia per quanto riguarda la definizione dell’immagine, i colori e gli effetti particellari. I tanti supereroi disponibili, come ho già detto, sono tutti realizzati in maniera egregia e doppiati più che discretamente nella nostra lingua.

Star Lord e Groot a rapporto!
Alcuni degli eroi di Lego Marvel Super Heroes 2!

Le ambientazioni che fanno da sfondo alla nostra avventura mostrano passione per la Casa delle Idee da tutti i pori, e questo non può che essere un gran punto a favore per il titolo. Il frame rate è invece un po’ ballerino, soprattutto nelle sezioni open world giocate a Chronopolis e nelle fasi più concitate di alcune battaglie contro gli uomini di Kang. Niente di particolarmente grave, sia chiaro, ma un’ottimizzazione più curata – soprattutto dedicata all’hub centrale del titolo – non ci sarebbe dispiaciuta.

In conclusione…

Lego Marvel Super Heroes 2 è il classico gioco Lego, con tutti i pregi e i difetti del caso; Piacerà  senza alcun dubbio ai tantissimi fan della Marvel, ai numerosi estimatori di questa formula di gioco ed ai più piccoli. Nonostante una veste grafica particolarmente gradevole ed un roster sconfinato, avremmo apprezzato uno sforzo in più da parte di TT Games, che nonostante sappia come sfruttare al meglio una licenza così importante, si è ormai adagiata su un gameplay che è da troppi anni rimasto invariato, diventando estremamente ripetitivo e poco interessante. Lego Marvel Super Heroes 2 dunque merita un..

6.5

PRO  

CONTRO

Tantissimi supereroi giocabili
Graficamente valido
Doppiaggio di buon livello
Gameplay ormai noioso e ripetitivo
Hub centrale poco curato
Trama banale e scontata

 

 

Facebook Comments

Carlo D'Alise

Videogiocatore dagli indimenticabili tempi dello SNES. Praticante avvocato nel tempo libero, appassionato in particolare di Action, Soulslike ed RPG, ma in generale del videogioco in (quasi) tutte le sue declinazioni. Sono ad un panino dall'obesità.